Renzi ha presentato le linee guide della riforma della scuola Renzi ha presentato le linee guide della riforma della scuola

Renzi ha presentato le linee guide della riforma della scuola

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 4 settembre 2014 Il Conte 0

Ieri Matteo Renzi ha presentato le linee guide della riforma della scuola. L’obiettivo è quello di arrivare ad assumere 150.000 docenti entro settembre 2015,... Renzi ha presentato le linee guide della riforma della scuola

Ieri Matteo Renzi ha presentato le linee guide della riforma della scuola.
L’obiettivo è quello di arrivare ad assumere 150.000 docenti entro settembre 2015, dando uno stop alle supplenze e garantendo un miglioramento di carriera solo grazie al merito.

Matteo Renzi piano scuola

Matteo Renzi (Lapresse)

Le linee guida del progetto scuola sono pubblicate sul nuovo sito del Governo “Passo dopo passo“.
Per diventare docenti di ruolo, sarà possibile accedere solo tramite concorsi, in questo modo verranno introdotti  40.000 giovani con qualifica fra il 2016 e il 2019.

L’investimento economico, alla base di questi nuovi 150.000 posti di lavoro nella scuola, è calcolato sulla base di 3 miliardi di €.

Il primo bando di concorso sarà nella primavera del 2015 garantendo così un’opportunità concreta a tutte le persone che hanno in questi anni maturato l’aspettativa di diventare docente di ruolo.

Il progresso di carriera avverrà ogni 3 anni solo per i docenti meritevoli che si troveranno in busta paga 60 euro netti al mese in più. Finalmente una “svolta legata alla meritocrazia” e non al classico “clientelismo” italiano.

I docenti seguiranno inoltre percorsi di continua formazione continua, che sarà obbligatoria per garantire una costante crescita professionale ed un miglioramento degli aspetti di innovazione e tecnologia.

Dal 2015 sarà online il registro nazionale dei docenti che avrà come scopo principale quello di favorire i presidi nella scelta della squadra di formazione, coninvolgendo inoltre i presidi ed i docenti ad individuare le procedure burocratiche inutili e che rallenterebbero la crescita della scuola.

Renzi conclude la suo presentazione cercando di coinvolgere tutti ad impegnarsi in questo nuovo percorso per la scuola italiana : “Vi chiedo una mano, sarà meraviglioso, vi chiedo una mano: i giorni che ci aspettano sono giorni meravigliosi, non buttiamoli via. Abbiamo il coraggio di provare insieme a disegnare la scuola che verrà e forse anche così l’Italia tornerà a essere custode della straordinaria bellezza che ha”.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *