Hacker sfondano le protezioni e attaccano i server di Yahoo Hacker sfondano le protezioni e attaccano i server di Yahoo

Hacker sfondano le protezioni e attaccano i server di Yahoo

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 9 ottobre 2014 Il Conte 0

Hacker sfondano le protezioni e attaccano i server di Yahoo Alex Stamos, capo della sicurezza informatica di Yahoo, tenta di rassicurare gli utenti e... Hacker sfondano le protezioni e attaccano i server di Yahoo

Hacker sfondano le protezioni e attaccano i server di Yahoo

Alex Stamos, capo della sicurezza informatica di Yahoo, tenta di rassicurare gli utenti e sottolinea che “Dopo aver esaminato la situazione appieno, è venuto fuori che i server non erano stati attaccati tramite Shellshock, al momento non abbiamo trovato prove di danni ad altri sistemi o della violazione di account di utenti; è stata una falla specifica e relativa a un limitato numero di macchine ed è stata sistemata”.

Si sa però che alcuni dei server di Yahoo sono stati attaccati da hacker ma l’infiltrazione non è avvenuta attraverso il bug Shellshock.

A rendere noti i pericoli dati da Shellshock, un bug paragonato a Heartbleed, era stato il governo degli Stati Uniti.

Hacker sfondano le protezioni e attaccano i server di Yahoo

I sistemi operativi vulnerabili a ‘Shellshock’ sono quelli che si appoggiano su Unix, e quindi sono

  • Linux
  • Os della Apple.

Il 24 settembre scorso c’era la scoperta di Shellshock, e qui milioni di hacker, a quanto affermano gli esperti di sicurezza informatica, avevano tentato di lanciare cyberattacchi attraverso la falla.

Yahoo dichiara di aver reso i propri sistemi impermeabili al baco dopo averne appreso l’esistenza.

Le stesse rassicurazioni sono state fornite da Apple.

Tra gli esperti del settore c’è, ad ogni modo, chi giura il contrario. Come Jonathan Hall, il ricercatore informatico che ha lanciato l’allarme. “I server di Yahoo sono stati colpiti attraverso Shellshock”, afferma Hall, secondo quanto riporta France Presse, “lo so perché ero seduto a guardarlo accadere”.

Hall, che scrive sul blog di Future South Technologies, ha scoperto che gli intrusi basati in Romania usavano Shellshock per dirottare lentamente i server (compresi quelli di altre aziende) e costruire un “arsenale” per colpire bersagli sempre più pregiati, in particolare Yahoo! Games.

Attenzione comunque, anche se i sistemi sono già stati aggiornati da quando è stato scoperto il bug, alcuni malware possono sopravvivere non solo nei sistemi ancora vulnerabili, ma anche in quelli in cui la falla è già stata chiusa.

Massima allerta, come sempre!

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *