Scuola guida per Droni i piloti del futuro al corso Universitario Scuola guida per Droni i piloti del futuro al corso Universitario

Scuola guida per Droni i piloti del futuro al corso Universitario

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 9 marzo 2015 Il Conte 1

Scuola guida per Droni i piloti del futuro al corso Universitario Il futuro? Pilotare nei cieli Cosa? I Droni! Ecco che, l’Università Link Campus... Scuola guida per Droni i piloti del futuro al corso Universitario

Scuola guida per Droni i piloti del futuro al corso Universitario

Il futuro?

Pilotare nei cieli

Cosa?

I Droni!

Ecco che, l’Università Link Campus di Roma ha annunciato il primo corso universitario in tema, riconosciuto dall’Enac performare piloti professionisti, con addestramento pratico e teorico al fine di poter rilasciare la licenza necessaria a pilotare droni come previsto dalle recenti normative.

Scuola guida per Droni Link Campus riconosciuta da ENAC per addestramento alla guida

Tanti i settori che possono trarre vantaggi dallo sviluppo dei droni civili, in grado di compiere attività oggi difficili e complesse o svolte in modi ben più costosi.

Per favorire un settore in forte crescita, le organizzazioni propongono corsi per poter rilasciare il patentino necessario per pilotare questi velivoli.

Come documentato in passato, però, molte organizzazioni hanno approfittato di novità e vuoti legistlativi, con corsi non certificati e di fatto inutili per ottenere il brevetto.

Per sopperire a queste problematiche, l’Università Link Campus di Roma ha annunciato il primo corso universitario in tema, riconosciuto dall’Enac per formare piloti professionisti, con addestramento pratico e teorico al fine di poter rilasciare la licenza necessaria a pilotare droni come previsto dalle recenti normative.

Il corso permetterà di pilotare droni fino a 25 Kg di massa e, nel primo corso di test, si formeranno futuri specialisti di aerofotogrammetria con i Sistemi Aeromobili di Pilotaggio Remoto (Sapr).

Lo stesso ateneo, lo scorso anno, aveva inaugurato uno dei primi centri di ricerca sui Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto

Pilotare un drone richiede un patentino oltre che una assicurazione specifica che possa coprire eventuali danni. Sono inoltre necessarie autorizzazioni al volo in determinate circostante.

Bisogna specificare 2 ambiti, come previsto dal regolamento Enac,

  • Situazioni critiche
  • Situazioni non critiche.

Si considerano situazioni critiche, tutte quelle che potrebbero creare problemi di sicurezza in caso di malfunzionamento del drone che, cadendo al suolo, potrebbe arrecare danni a cose o persone.
Sono quindi situazioni critiche quelle che prevedono di sorvolare aree trafficate, urbane o in presenza di manifestazioni di diverso genere, dai concerti ai matrimoni.

Per queste tipologie è necessario seguire uno specifico iter.

Per quanto riguarda le situazioni non critiche, come per esempio, sorvolare un campo agricolo, un’area desertica, un parco o sorvolare il mare, con situazioni di pericolo quindi nulle, è possibile eseguire l’autocertificazione.

Il regolamento si è reso necessario in quanto alcuni droni, dal peso anche di 10-20 chilogrammi, potrebbero essere particolarmente pericolosi qualora dovessero atterrare in aree abitate, con il rischio di gravi conseguenze.

In realtà, regolamenti e patentini riguardano i droni professionali e quelli usati in ambito lavorativo o militare.

I droni giocattolo, come i droni Parrot , sono considerati aeromodelli, quindi utilizzabili liberamente con l’obbligo però di mantenere il controllo visivo del velivolo radiocomandato.

Il limite oggettivo è stabilito in metri 200 come distanza dal pilota, 70 metri come altezza massima.

Si deve poi restare sempre e comunque ad una distanza non inferiore a 8 km in presenza di aeroporti o zone di decollo aereo.

Uno dei parametri che obbliga al patentino, è dato dal controllo remoto visivo. I droni che volano a notevole distanza dal pilota, sfruttando sistemi di controllo remoto visivo e richiedono il patentino specifico.

Il lavoro del futuro?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *