The Voice, tra Axforismi e blind audition The Voice, tra Axforismi e blind audition

The Voice, tra Axforismi e blind audition

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 11 marzo 2015 Il Conte 0

È uno dei grandi protagonisti del talent di Rai Due: J Ax è il trascinatore dei coach, dalla battuta sempre pronta e fulminante, come... The Voice, tra Axforismi e blind audition

È uno dei grandi protagonisti del talent di Rai Due: J Ax è il trascinatore dei coach, dalla battuta sempre pronta e fulminante, come confermato in questa nuova edizione.

Lo scorso anno è stata la rivelazione del programma: arrivato in sostituzione di Riccardo Cocciante, si è imposto non solo per la sua competenza in campo musicale, ma anche per esuberanza e simpatia, che ne hanno fatto un “personaggio” amato dal pubblico. Non è un caso che la seconda edizione di The Voice sia stata vinta, trionfalmente, da un componente della sua squadra, Suor Cristina, che stava al suo coach come la proverbiale acqua santa sta al diavolo.

the-voice

Di “diabolico”, però, J Ax ha la capacità di saper dire sempre la cosa giusta, il commento più spiazzante e simpatico: i suoi axforismi sono diventati già un libro, e anche nelle prime puntate di The Voice of Italy 3 sono tornati ad altissimo livello.

Le Blind Audition. La parte originale del programma sono probabilmente le fasi iniziali, con le esibizioni “nascoste” degli aspiranti concorrenti. E quando si girano le poltrone, J Ax è il più lesto a commentare in modo spiritoso e incredibilmente genuino. “Non so se vuoi entrare nel Team Facchinetti o entrare a casa dei Facchinetti a rubare”, dice ad esempio ad Alex Ceccotti, ragazzone con cresta punk che sorprendentemente canta “Uomini soli” dei Pooh (ed entra nel team dei Facchinetti), e poi subito dopo “Qui a The Voice abbiamo avuto una suora che canta Alicia Keys, il punk che canta i Pooh, ci manca solo Matteo Salvini che canta Bella Ciao”. La potente voce e il look di Ira Green, giovane napoletana dall’animo rock, lo portano a esclamare: “Sei il tipo di donna che spaventa gli uomini che si depilano” (ma la ragazza sceglie il team Pelù, più adatto alle sue corde), mentre invece, girandosi per Ludovica Cola, le fa i complimenti perché “cantare un pezzo di Amy Winehouse è come andare il primo giorno di lavoro e fare pipì nel bagno del capo”.

Le bocciature. Non solo commenti positivi, però. Il lato “cattivo” di J Ax viene fuori soprattutto nelle stroncature, che sono davvero senza mezzi termini. Si va da un blando “Sono troppo di Cologno per capire la lirica”, dedicato a una giovane ragazza di 16 anni, Giada Borrelli, che ha portato sul palco “The Prayer” di Andrea Bocelli con Celine Dion, al decisamente più aggressivo “Nella mia squadra io cerco The Walking Dead, tu mi hai portato Peppa Pig!”, con cui ha apostrofato il tentativo di Luisa Maggioni, 19enne italo-americana che ha cantato “Wrecking Ball” di Miley Cyrus senza però impressionare. E più tardi, con un’altra concorrente, è ancora più diretto: “Hai cercato di arrampicarti con la tua voce senza riuscirci. Come un cucciolo di labrador che cerca di salire le scale”. Per avere informazioni più dettagliate su tutti i concorrenti di questa edizione, si può visitare la sezione “The Voice” sul portale Onstageweb.

Risate (e polemiche) assicurate. Il caustico senso di ironia di J Ax non risparmia neppure i suoi colleghi coach. Particolarmente presi di mira i due Facchinetti e in particolare il papà Roby, mentre con Francesco sono veri e propri duelli a suon di battute. Nella primissima puntata i due giovani si sono “scontrati” su dischi d’oro e successo, nella seconda J Ax ha ironizzato sul nome della squadra (a giusta ragione, peraltro): “Per uno che parla inglese, team Fach sembra un film porno!”, e anche sul braccialetto al polso di Roby (che ha tentato di “corrompere” un concorrente, senza riuscirci): “In fatto di bigiotteria ho scoperto che Roby Facchinetti e 50 Cent hanno gli stessi gusti!”. Meno contrastato il rapporto con Pelù, omaggiato anzi da J Ax con “Piero ha fatto per i pantaloni di pelle quello che Paoli Rossi ha fatto per l’Italia nel 1982”, così come quello con Noemi (anche se nella scorsa edizione non sono mancati i battibecchi tra i due). La polemica maggiore è nata però per un commento particolare: “Celine Dion in confronto a Mina è un pezzo di spinaci che ti è rimasto fra i denti”, ha detto per valorizzare la musica italiana e la sua più grande interprete. Una valutazione che però non è piaciuta ai fan della cantante canadese, che si sono scatenati soprattutto sui social.

Ma, in fondo, anche questo serve a tenere alta l’attenzione sul programma…

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *