Energie rinnovabili una fonte di economia da non sottovalutare Energie rinnovabili una fonte di economia da non sottovalutare

Energie rinnovabili una fonte di economia da non sottovalutare

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 14 maggio 2015 Il Conte 0

Energie rinnovabili una fonte di economia da non sottovalutare Secondo uno studio realizzato da Legambiente, condotto con la collaborazione del Gruppo Asja e del... Energie rinnovabili una fonte di economia da non sottovalutare

Energie rinnovabili una fonte di economia da non sottovalutare

Secondo uno studio realizzato da Legambiente, condotto con la collaborazione del Gruppo Asja e del Gestore servizi energetici (Gse), il nostro è il primo Paese al mondo per incidenza del solare rispetto ai consumi elettrici: oltre l’11% ad aprile 2015. Complessivamente nel 2014 le rinnovabili hanno contribuito a soddisfare il 38,2% dei consumi elettrici complessivi (nel 2005 eravamo al 15,4%) e il 16% dei consumi energetici finali (contro il 5,3% del 2005).

La rilevazione di Legambiente sottolinea che nell’arco di un decennio, in Italia, il numero dei comuni in cui è installato almeno un impianto da fonti rinnovabili è passato da 356 a 8.047. Così in ogni comune italiano è presente una fonte d’energia pulita.

Una buona notizia per l’ambiente e anche per l’occupazione.

zucchero

Qualche nota negativa non manca, purtroppo: i ritmi di crescita delle installazioni, ad esempio, sono inferiori rispetto al passato per tutte le tipologie di energia (fotovoltaica, eolica…). Eppure favorirne un’ulteriore diffusione sarebbe utile.

“Lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili – osservava l’Istat nel suo rapporto I Consumi energetici delle famiglie, diffuso nel dicembre scorso – rappresenta un obiettivo di importanza primaria delle politiche energetiche e ambientali nazionali ed europee, in special modo della Strategia europea per la promozione di un crescita economica sostenibile” e, come osservato da Legambiente, anche per la creazione di nuovi posti di lavoro nel settore energetico.

Nel 2013 gli occupati – direttamente e indirettamente – a livello mondiale erano 6,5 milioni, secondo uno studio dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena). In crescita rispetto all’anno precedente: nel 2012, erano 5,7 milioni circa. Complessivamente in Europa i lavoratori erano 1,2 milioni, la maggior parte dei quali impiegati in Germania (371 mila occupati) e Spagna (116 mila).

E in Italia?

Si può solo migliorare.

Nel corso della sua rilevazione, ad esempio, l’Irena non ha preso in considerazione il nostro Paese. Dove, stando alle stime del Gse, gli occupati erano circa 190 mila nel 2012. Ma che, secondo uno studio del Consiglio nazionale degli ingegneri in Italia, potrebbero – grazie a politiche di sostegno al settore – crescere, fino a toccare i 250 mila addetti entro il 2020.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *