Usa controlleranno Facebook prima di concedere il visto Usa controlleranno Facebook prima di concedere il visto

Usa controlleranno Facebook prima di concedere il visto

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 17 dicembre 2015 redazione 0

Se si vuole andare negli Stati Uniti, per lavoro, vacanza o qualsiasi altro motivo, bisognerà anche stare attenti a come si utilizzano i social.... Usa controlleranno Facebook prima di concedere il visto

sa controlleranno Facebook prima di concedere il visto

Se si vuole andare negli Stati Uniti, per lavoro, vacanza o qualsiasi altro motivo, bisognerà anche stare attenti a come si utilizzano i social.

Si, non è uno scherzo: oggi la reputazione social conta quanto quella offline, se non di più, e lo dimostra il fatto che per ottenere il visto per entrare in territorio americano le autorità potrebbero presto riservarsi  la possibilità di consultare i profili Facebook.

Questa almeno è la proposta con la quale il Dipartimento per la Sicurezza statunitense sembra intenzionato a rispondere alle critiche seguite alla strage di San Bernardino, dopo le rivelazioni secondo le quali una delle attentatrici aveva pubblicamente condiviso su Facebook la propria vicinanza agli integralisti dell’Is, giurando fedeltà al leader dei terroristi.

Secondo il Wall Street Journal il Dipartimento della sicurezza interna degli Stati Uniti sta già lavorando a un piano segreto che prevede l’analisi a tappeto di Facebook e altri social network dei richiedenti accesso negli Usa per poter scovare eventuali simpatie nei confronti del terrorismo islamico o affiliazioni ad altre organizzazioni criminali.

La misura si andrebbe ad aggiungere a quelle di recente votate al Congresso sul Visa Waiver Program e che prevedono modifiche al programma che consente ai cittadini di 38 Paesi – fra cui l’Italia – di recarsi negli Usa per turismo o affari per un periodo di meno di 90 giorni senza visto.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *