Ecco come sopravvivere ad un datore lavoro difficile Ecco come sopravvivere ad un datore lavoro difficile

Ecco come sopravvivere ad un datore lavoro difficile

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 3 febbraio 2016 redazione 0

Come se non bastasse lo stress accumulato per il lavoro, ecco che alle volte la situazione può diventare drammatica per via di un cattivo... Ecco come sopravvivere ad un datore lavoro difficile

Come se non bastasse lo stress accumulato per il lavoro, ecco che alle volte la situazione può diventare drammatica per via di un cattivo rapporto con il proprio capo. I datori di lavoro, infatti, possono essere alle volte davvero insopportabili, persino perfidi nel caso in cui vedano in voi una minaccia per la loro posizione di prestigio. Senza poi considerare che, spesso, i capi godono di poteri tali da farli sentire padroni del vostro destino, che li mettono nella posizione di comandarvi a bacchetta e di licenziarvi se non ubbidite servilmente ai loro comandi. Sopravvivere ad un datore di lavoro difficile, però, è possibile: vediamo insieme come fare.

Parlate con il capo e cercare di chiarire

Alle volte basta davvero poco per creare un rapporto con il proprio datore di lavoro, anche con il più burbero. In ogni caso, infatti, bisogna fare un tentativo verbale e provare a instaurare una conversazione diretta con lui, esponendo in modo chiaro e professionale quali sono i problemi che non vi lasciano lavorare al 100% e che dipendono da lui. Potreste rimanere piacevolmente sorpresi perché, nella maggior parte dei casi, il vostro datore di lavoro non ha alcun problema personale con voi: semplicemente ignora che alcuni suoi comportamenti vi stiano danneggiando o mettendo in crisi. Inoltre, mettere le carte in tavola senza subire in silenzio, potrebbe spingere il vostro capo a rivalutarvi caratterialmente.

Mimetizzatevi aiutando il tuo capo

Uno dei modi migliori per evitare di avere problemi con il proprio capo, è lavorare cercando di aiutarlo, o comunque in modo sinergico con i suoi obiettivi. Questo non solo significherà avere un comportamento professionale, ma anche distogliere le sue attenzioni da voi, nel caso egli si sentisse minacciato dalle vostre competenze. Certo non è piacevole aiutare chi non lo merita, ma comunque sarà un’operazione che a lungo andare vi gioverà tantissimo, fino addirittura a convincere il datore di lavoro che il vostro impegno merita un premio. Non si tratta necessariamente di servilismo, ma di un modo per conquistare le sue grazie con il duro lavoro.

Non parlate mai alle sue spalle

Durante l’orario di lavoro possono capitare momenti in cui, per stemperare la tensione o per sfogarsi, si possa essere tentati di chiacchierare alle spalle del proprio capo con i colleghi: si tratta dell’errore peggiore, perché spesso quelle voci finiscono al vostro datore di lavoro, che si comporterà di conseguenza. Oltre ad essere sinonimo di poca professionalità, sarà un atteggiamento che vi porterà solo guai: soprattutto se il vostro rapporto con il datore di lavoro non è esattamente idilliaco.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *