Apple, scoperto bug sui collegamenti ipertestuali Apple, scoperto bug sui collegamenti ipertestuali

Apple, scoperto bug sui collegamenti ipertestuali

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 31 marzo 2016 redazione 0

Fino a qualche tempo Apple era considerato uno dei marchi più sicuri per l’utenza, che quando acquistava uno dei suoi costosissimi device mobili poteva... Apple, scoperto bug sui collegamenti ipertestuali

ios93_660

Fino a qualche tempo Apple era considerato uno dei marchi più sicuri per l’utenza, che quando acquistava uno dei suoi costosissimi device mobili poteva avere la quasi certezza di non incorrere in virus, bug e problemi relativi alla protezione dei propri dati personali.

Sarà che i pirati informatici stanno diventando sempre più raffinati, o forse gli aggiornamenti da rilasciare sono talmente tanti che non si può garantire più la stessa accuratezza, fatto sta che dopo aver iniziato di nuovo la distribuzione del sistema operativo iOS 9.3 aggiornato per risolvere il bug che impediva ad alcuni utenti di attivare i loro iPhone e iPad più vecchi, un nuovo problema è stato trovato nell’ultime iterazione della piattaforma mobile di Apple.

Apple ha infatti confermato la presenza di un bug che non consente a diversi utenti di aprire i link ipertestuali su Safari e in diverse altre applicazioni. Al momento, l’unica soluzione è disabilitare JavaScript dalle impostazioni avanzate di Safari (Impostazioni > Safari > Avanzate). Su Google Chrome, è possibile aprire i link tenendo premuto per qualche secondo sul collegamenrto stesso.

Inizialmente si era pensato che il problema fosse esclusivamente limitato all’app Safari, ma gli utenti ne hanno segnalato l’insorgenza anche in altri browser, Google Chrome compreso e all’applicazione Mail.

Per far fronte alla situazione, la Mela ha rilasciato un secondo aggiornamento di iOS 9.3, che sembrava avesse portato ad una soluzione definitiva.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *