Microsoft, impossibile usare password troppo banali Microsoft, impossibile usare password troppo banali

Microsoft, impossibile usare password troppo banali

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 31 maggio 2016 redazione 0

Ormai in rete non si può star certi che il proprio profilo social o qualsiasi sito si frequenti non venga hackerato all’improvviso, con relativa... Microsoft, impossibile usare password troppo banali

Microsoft, impossibile usare password troppo banali

Ormai in rete non si può star certi che il proprio profilo social o qualsiasi sito si frequenti non venga hackerato all’improvviso, con relativa sottrazione di tutti i propri dati sensibili.

Se è vero che i pirati informatici sono sempre più bravi, è anche vero che la maggior parte delle volte la colpa è nostra, che per pigrizia impostiamo password troppo semplici, spesso e volentieri con lo stesso codice valido per tutti i siti che usiamo, per non avere problemi di memoria.

In quest’ottica si sta muovendo Microsoft, che nella sua personale e serrata guerra contro gli hacker, ha letteralmente messo al bando le password troppo semplici e intuitive, facilmente raggirabili.

Prima Apple, ora Microsoft punta alla protezione dei propri servizi anche attraverso una “blindatura” più robusta delle password di accesso.

In primis, le  password considerate più “banali” perché facilmente individuabili dal malintenzionati di turno dovranno essere modificate dall’utente che le ha scelte e reimpostate ex novo.

Il sistema che gestisce gli account di Skype, Outlook e Azure AD, creerà inoltre una lista di credenziali poco sicure basandosi sulla classifica annuale di SplashData, in questo modo l’utente saprà quali non utilizzare. Nel caso si siano scelte chiavi d’accesso come “12345” o “starwars” (questa è la preferita del 2016) verrà quindi chiesto di reimpostarla.

In un futuro il problema verrà meno con i sistemi biometrici, che manderanno definitivamente in pensione l’obsoleta password, ma nel frattempo dovremo metterci un po’ di impegno e fantasia in più.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *