Facebook, in Francia le bufale sono “etichettate” Facebook, in Francia le bufale sono “etichettate”

Facebook, in Francia le bufale sono “etichettate”

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 9 febbraio 2017 redazione 0

Se tutti i grandi colossi tecnologici, ed in particolare i social ed i siti che trattano di informazione, hanno dichiarato guerra aperta alle bufale... Facebook, in Francia le bufale sono “etichettate”

Se tutti i grandi colossi tecnologici, ed in particolare i social ed i siti che trattano di informazione, hanno dichiarato guerra aperta alle bufale e alle false notizie in generale, Facebook passa all’attacco diretto partendo dalla Francia.

Lo scorso 31 gennaio Facebook ha comunicato in un blogpost ufficiale le nuove modifiche apportate all’algoritmo allo scopo di “identificare e premiare i contenuti autentici” e continuare così nella lotta alle fake news.

Come anticipa Reuters, il social network inoltre collaborerà con otto aziende francesi del settore dei media per analizzare e controllare tutti gli articoli sospetti segnalati dagli utenti.

“Nel concreto”, riporta oggi il quotidiano Le Monde sul suo sito web, “il progetto consta nel dispiegare prossimamente in Francia un dispositivo simile a quello che è stato messo a punto a dicembre negli Stati Uniti con la partecipazione di cinque media (Abc News, Ap, FactCheck.org, Politifact e Snopes) e che deve essere lanciato in Germania con la redazione di Correctiv”.

Oltre a Le Monde, i partner francesi di Facebook includono Agence France-Presse (AFP), BFM-TV, Franceinfo, France Médias Monde, L’Express, Libération, e 20 Minutes.

Il sistema messo a disposizione degli utenti del social permetterà, grazie a una nuova categoria di segnalazione, di rilevare una notizia sospettata di essere falsa. I link segnalati finiscono raccolti in un portale cui hanno accesso i media partner, che possono verificare le informazioni. Se due media stabiliscono che il contenuto è falso, la notizia apparirà agli utenti con un segnalino rosso menzionando che i fact-checker ne contestano la veridicità.

Pur non potendo dunque imputare alla mera diffusione di notizie false sui social networks l’elezione di Trump, le nazioni europee hanno così deciso di tutelarsi di fronte ad analoghe possibilità, onde evitare che falsità condizionino lo svolgimento delle imminenti tornate elettorali in Francia e Germania.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *