WhatsApp si è decisa a reintegrare gli stati originari WhatsApp si è decisa a reintegrare gli stati originari

WhatsApp si è decisa a reintegrare gli stati originari

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 6 marzo 2017 redazione 0

Alcuni cambiamenti entusiasmano fin da subito gli utenti, altri, a primo acchito, lasciano perplessi ma poi lentamente ci si impara a conviverci, altri proprio... WhatsApp si è decisa a reintegrare gli stati originari

Alcuni cambiamenti entusiasmano fin da subito gli utenti, altri, a primo acchito, lasciano perplessi ma poi lentamente ci si impara a conviverci, altri proprio non vengono apprezzati: è quanto accaduto all’ultimo aggiornamento di WhatsApp, che ha apportato modifiche decisamente poco apprezzate.

L’idea di introdurre anche sulla piattaforma di messaggistica le cosiddette “Storie”, nate su Snapchat e poi riprese da Instagram e Facebook, non avrebbe accontentato tutti: molti utenti infatti avrebbero dichiarato di preferire il “vecchio status”, nel quale si poteva inserire una frase collegata all’immagine profilo.

E così, ai piani alti del gruppo di Whatsapp, è stato deciso un cambio di rotta: dal prossimo aggiornamento, ogni utente potrà decidere come personalizzare il proprio profilo, se con uno Stato o una Storia.

WhatsApp in pratica ha fatto mea culpa per aver eliminato gli stati permanenti che tanto piacevano agli utenti, i quali amavano scrivere frasi profonde e rappresentative sul proprio profilo, e ha deciso di ripristinare il vecchio stato riportando la situazione alla normalità.

Una soluzione democratica che sicuramente renderà felici gli utenti o almeno quelli che odiano quest’ultima novità.

Passando dallo Stato alle Storie, WhatsApp in ogni caso ha irrimediabilmente cambiato i suoi connotati, trasformandosi da strumento di messaggistica a social network.

Quali saranno ora le mosse per il prossimo futuro, per cercare di tenere a bada una concorrenza agguerritissima? Staremo a vedere.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *