Spotify, il catalogo completo riservato solo agli utenti Premium? Spotify, il catalogo completo riservato solo agli utenti Premium?

Spotify, il catalogo completo riservato solo agli utenti Premium?

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 20 marzo 2017 redazione 0

Finora è stata la sua caratteristica distintiva, ma a quanto pare tutto sta per cambiare, e con la serrata concorrenza di quest’ultimo periodo, non... Spotify, il catalogo completo riservato solo agli utenti Premium?

Finora è stata la sua caratteristica distintiva, ma a quanto pare tutto sta per cambiare, e con la serrata concorrenza di quest’ultimo periodo, non è detto che anche molti affezionati utenti non decidano di migrare verso un’altra applicazione.

Spotify sarebbe infatti in procinto di cambiare la disponibilità di tutti i suoi 30 milioni di brani musicali sia agli utenti abbonati sia a quelli che non pagano ma accettano di guardare la pubblicità.

Stando alle indiscrezioni riportate dal Financial Times e confermate da altre testate, la compagnia avrebbe acconsentito a riservare l’accesso ai nuovi album più importanti solo agli utenti paganti.

Spotify sarebbe già in trattativa con una serie di major discografiche, tra cui Universal, Sony e Warner, per rinnovare le licenze necessarie a trasmettere la musica in streaming con una serie di novità che limiteranno l’ascolto dei nuovi bravi agli account che non acquistato l’abbonamento mensile proposto dal servizio.

In meno di sei mesi gli iscritti di questa applicazione sono aumentati del 25%, attirati da un catalogo infinito e dalla possibilità di poterne disporre senza limiti ne pubblicità. Cifre record che segnano il definitivo predominio dello streaming come strumento prediletto per la fruizione della musica: questo cambiamento di rotta influenzerà il numero degli utenti?

Nel frattempo l’azienda non ha rilasciato nessuna dichiarazione riguardo i rumors, che sono stati però confermati anche da una fonte anonima ai giornalisti di The Verge.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *