Antartide, si è staccato un iceberg grande come la Liguria Antartide, si è staccato un iceberg grande come la Liguria

Antartide, si è staccato un iceberg grande come la Liguria

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 14 luglio 2017 redazione 0

Ogni giorno facciamo del male al nostro pianeta, purtroppo sovente anche in modo consapevole, e gli allarmi che gli scienziati ogni giorno diramano sembrano... Antartide, si è staccato un iceberg grande come la Liguria

Ogni giorno facciamo del male al nostro pianeta, purtroppo sovente anche in modo consapevole, e gli allarmi che gli scienziati ogni giorno diramano sembrano non interessarci.

Vediamo la deriva del nostro pianeta come un evento lontano, come qualcosa che non interessa direttamente noi, ed invece il surriscaldamento globale ha già irrimediabilmente stravolto tutti gli equilibri, e soprattutto in Antartide le conseguenze sono già lampanti, e non certo indolori.

In queste ore, ad esempio, un enorme blocco di ghiaccio si è staccato dalla barriera Larsen C, nell’Antartide occidentale, un blocco di circa 6.000 kmq di superficie, come 10 volte la città di Madrid o quattro volte quella di Città del Messico. Il blocco di ghiaccio è “uno dei maggiori iceberg mai registrati”, secondo quanto hanno sapere dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA).

Noel Gourmelen, dell’Università di Edimburgo, ha dichiarato che l’iceberg potrebbe avere uno spessore di 190 metri sopra il livello dell’Oceano, con circa 1.155 chilometri cubi di ghiaccio – che equivale a una quantità d’acqua sufficiente a riempire 462 milioni di piscine olimpiche.

«Abbiamo anche stimato che la profondità sotto il livello del mare potrebbe essere di 210 metri», ha aggiunto Gourmelen.

L’Agenzia sta controllando la barriera con la missione Cryosat, un satellite in grado di rilevare i cambi dei millimetri negli anfratti del gelo antartico.

Il blocco di oltre 200 metri non dovrebbe spostarsi lontano e velocemente nel breve termine. Ma dovrà essere monitorato: correnti e venti potrebbero spingerlo verso nord, dove diventerebbe pericoloso per chi pesca. Un iceberg di dimensioni così grandi potrebbe impiegare molti mesi prima di riuscire ad andare oltre i bassi fondali del Mare di Weddell.

Gli scienziati si aspettavano questo fenomeno: da oltre un decennio osservavano lo sviluppo di un’enorme crepa nel Larsen C.

In ogni caso è ancora presto per dire se il riscaldamento globale abbia avuto un ruolo diretto nella formazione del nuovo iceberg.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *