Google, sul Play Store scovate nuove app che ci spiavano Google, sul Play Store scovate nuove app che ci spiavano

Google, sul Play Store scovate nuove app che ci spiavano

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 1 agosto 2017 redazione 0

Purtroppo siamo ancora qui a parlare di privacy, e ancora una volta non sono buone notizie: nonostante tutti gli strumenti messi in campo da... Google, sul Play Store scovate nuove app che ci spiavano

Purtroppo siamo ancora qui a parlare di privacy, e ancora una volta non sono buone notizie: nonostante tutti gli strumenti messi in campo da Google per proteggerci da virus e malware di ogni sorta, ancora una volta sono state scovate nuove applicazioni  potenzialmente estremamente pericolose.

Il team di sicurezza Google nelle scorse ore, ad esempio, ha rimosso una serie di applicazioni che minacciavano seriamente la privacy e la riservatezza delle comunicazioni mobile degli utenti Android.

Entrando più in dettaglio nel merito della questione si è scoperto come 20 app regolarmente presenti sul market siano state in grado di avvantaggiarsi i diritti di accesso ai messaggi di testo, alle email, ai dati sulla posizione e ad altre informazioni sensibili prelevate senza alcuna autorizzazione.

Programmi apparentemente innocui, che dietro nomi come “Backup”, “Cleaner”, “note pad”, “sound recorder” nascondevano uno spyware.

Quest’ultimo, battezzato Lipizzan, assomiglia nel suo funzionamento a Chrysaor, un analogo programma individuato lo scorso aprile. A detta di Google, il codice del software contiene riferimenti a tale Equus Technologies, una società di cyber arms (da non confondersi con altre omonime e del tutto legali società di servizi informatici presenti nel mondo) che fabbrica e rivende software malevoli.

Lipizzan è uno spyware multi-stage in grado di monitorare ed estrarre diverse informazioni sensibili, come email, SMS, posizione geografica, chiamate vocali e contenuti multimediali. Lipizzan può registrare chiamate vocale e VoIP, monitorare la posizione, scattare screenshot e foto con la fotocamera, recuperare informazioni sul dispositivo, SMS, contatti e log delle chiamate.

Lo spyware può inoltre rubare i dati da almeno 12 app: Gmail, Hangouts, KakaoTalk, LinkedIn, Messenger, Skype, Snapchat, StockEmail, Telegram, Threema, Viber e WhatsApp.

Il numero di dispositivi colpiti non è elevata (circa 100), ma l’azienda di Mountain View ha evitato una maggiore diffusione del malware.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *