Amazon, i lavoratori hanno intenzione di scioperare di nuovo Amazon, i lavoratori hanno intenzione di scioperare di nuovo

Amazon, i lavoratori hanno intenzione di scioperare di nuovo

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 14 dicembre 2017 redazione 0

Sarà anche il colosso dell’e-commerce, il più conosciuto ed utilizzato al mondo, capace di fatturati da capogiro, ma non è certo di manica larga,... Amazon, i lavoratori hanno intenzione di scioperare di nuovo

Sarà anche il colosso dell’e-commerce, il più conosciuto ed utilizzato al mondo, capace di fatturati da capogiro, ma non è certo di manica larga, in primis coi suoi dipendenti, che dopo giorni di scioperi ed agitazioni sono pronti ad incrociare nuovamente le braccia per reclamare il rispetto dei propri diritti.

Dopo in incontro durato un paio d’ore nella sede della Confcommercio di Piacenza, fra Amazon e organizzazioni sindacali resta ancora un dialogo fra sordi. E la minaccia di un altro sciopero nel sito di Castel San Giovanni dopo quello dello scorso “Black Friday” prende quindi pericolosamente quota.

A giudizio delle organizzazioni sindacali, di fronte alle ribadite evidenze connesse alle condizioni di lavoro, «non è sufficiente l’iniziativa presa dall’azienda che ha istituito al suo interno dei gruppi di studii ai quali sono invitati anche gli RSA, con cadenza settimanale, insieme ad altre funzioni aziendali».

Secondo i sindacati,  «anche rispetto ad una redistribuzione dei profitti attraverso un sistema premiante l’azienda ha candidamente dichiarato che dal 2011 ha incamerato 800 milioni di euro di profitti, precisando che sono stati tutti reinvestiti per i nuovi siti con la creazione di nuovi posti di lavoro. Nessuna obiezione per l’accresciuta spinta imprenditoriale, che comporta anche una crescita patrimoniale per Amazon – viene osservato -: rimane il fatto che della cifra anzidetta ai lavoratori Amazon, che forse qualche merito pur avranno per i risultati raggiunti, non è stato riconosciuto nulla oltre i minimi contrattuali».

L’azienda dal canto suo si affida a una nota per commentare l’esito dell’incontro con i sindacati: «Continuiamo a lavorare come di consueto. Amazon è un datore di lavoro corretto e responsabile. Siamo orgogliosi di avere creato oltre 3mila posti di lavoro in Italia e nelle prossime settimane rimarremo focalizzati sul Natale e sulle consegne ai nostri clienti».

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *