Anche per Wind è arrivato il momento di tornare alla fatturazione mensile Anche per Wind è arrivato il momento di tornare alla fatturazione mensile

Anche per Wind è arrivato il momento di tornare alla fatturazione mensile

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 6 febbraio 2018 redazione 0

Per prima è stata Tim, seguita a stretto giro da Vodafone e poi da Sky: i colossi, volenti o nolenti, hanno dovuto adeguarsi alle... Anche per Wind è arrivato il momento di tornare alla fatturazione mensile

Per prima è stata Tim, seguita a stretto giro da Vodafone e poi da Sky: i colossi, volenti o nolenti, hanno dovuto adeguarsi alle nuove disposizioni di legge, per evitare di incappare in una sanzione salata.

Ed in queste ore anche Wind ha fatto il suo annuncio: Wind Tre– con delle comunicazioni praticamente identiche – spiega cosa dovranno aspettarsi, a partire dal prossimo 5 aprile 2018, i propri clienti abbonati.

Da 5 aprile in poi le fatturazioni, invece che ogni 56 giorni, avverranno a cadenza bimestrale, conteggiando importi parametrati al mese solare. Wind si è mossa in modo simile ai concorrenti, ossia spalmando su 12 mesi la spesa annuale attuale di ogni pacchetto.

L’informativa non specifica quali siano i piani impattati da tale modifica, ma è probabile che sarà applicata a tutti gli abbonamenti sinora conteggiati e tariffati su base quadrisettimanale.

Dalla rimodulazione deriva un incremento dell’8,6% a rinnovo ma non sarà però un reale aumento, anzi in alcuni casi l’offerta potrebbe diventare leggermente più conveniente. Saranno infatti adeguati i bundle inclusi, con un incremento per ogni rinnovo del 10% delle soglie, aumento quindi superiore alla variazione del canone: ad esempio una tariffa con 60 minuti passerà ad averne 66 ad aprile 2018.

A prescindere dal tipo di contratto, tutti i clienti in abbonamento di rete fissa e di rete mobile, potranno, secondo quanto stabilito dal Codice di comunicazioni elettroniche, esercitare il diritto di recesso dai servizi WIND o passare a un altro operatore senza penali né costi di disattivazione nei 30 giorni precedenti il 5 aprile 2018, inviando una comunicazione con causale di recesso: “modifica delle condizioni contrattuali” attraverso tutti i canali messi a disposizione.

Per tutti gli abbonamenti la prima fattura delle offerte ritornate su base mensile sarà emessa successivamente al 5 Aprile 2018. Prima della ricezione di questa fattura, per esigenze tecniche, quindi si potrebbe ricevere una fattura riferita a un periodo inferiore a quello previsto normalmente.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *