Facebook, è ora di puntare sui gruppi Facebook, è ora di puntare sui gruppi

Facebook, è ora di puntare sui gruppi

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 12 febbraio 2018 redazione 0

Facebook, nonostante si parli spesso di una sua crisi, macina ancora grandi numeri, con miliardi di utenti attivi in tutto il mondo, e da... Facebook, è ora di puntare sui gruppi

Facebook, nonostante si parli spesso di una sua crisi, macina ancora grandi numeri, con miliardi di utenti attivi in tutto il mondo, e da questo derivano, come è naturale che sia, anche grandi responsabilità.

Da mesi ormai il colosso è in prima linea nella lotta alle fake news, ad esempio, e sta cercando di tenersi al passo col tempo per riconquistare l’utenza più giovane, che negli ultimi tempi sembra gli abbia preferito altri social.

Al Communities Summit Europeo in corso a Londra è stato annunciato il Facebook Community Leadership Program, un programma globale di investimenti a favore di coloro che creano comunità, un bando con cui Menlo Park assegnerà un milione di dollari ciascuno a cinque progetti di grande rilevanza globale e 50 mila dollari ad altri 100 più piccoli.

“Ma in realtà investiremo molto di più internamente”, spiega Chris Cox, responsabile Product Management, Design e Marketing.

“Il 2017 è stato un anno difficile per Facebook: abbiamo dovuto misurarci con questioni complesse come le fake news, la violenza, il nostro ruolo nel giornalismo, e più in generale il nostro ruolo nella società. Abbiamo delle squadre dedicate per ognuna di queste tematiche, ma soprattutto abbiamo una nuova strategia: vogliamo migliorare le cose buone che abbiamo costruito in Facebook, unire le persone e aiutarle nel loro sforzo di costruire comunità che abbiamo un valore”, spiega Cox.

Quella delle comunità del resto è una realtà da non sottovalutare: nel mondo oltre 1 miliardo di persone utilizzano i Gruppi Facebook ogni mese a livello globale. Nel Regno Unito, ad esempio, ci sono i Blind Veterans Uk, organizzazione che dà sostegno pratico ed emotivo ai veterani non vedenti e alle loro famiglie; in Italia c’è Fightthestroke, un gruppo che supporta i giovani sopravvissuti all’ictus e le loro famiglie. A Londra è intervenuta anche Nicola Mandelsohn, manager europeo di Facebook, che nei giorni scorsi ha rivelato di essere affetta da un linfoma follicolare: fa parte del gruppo Living with follicular limphoma, che conta circa 4mila iscritti.

Le nuove risorse lavoreranno per individuare e bloccare gli account fake, per ridurre le molestie e le truffe costruendo strumenti più efficaci, per migliorare le modalità di segnalazione dei contenuti.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *