WhatsApp, attraverso l’app si può ora pagare, ma solo in India WhatsApp, attraverso l’app si può ora pagare, ma solo in India

WhatsApp, attraverso l’app si può ora pagare, ma solo in India

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 13 febbraio 2018 redazione 0

Chiariamolo subito: la novità è di quelle importanti, ma per ora non è giunta fin da noi in Italia, ma limitata al mercato indiano,... WhatsApp, attraverso l’app si può ora pagare, ma solo in India

Chiariamolo subito: la novità è di quelle importanti, ma per ora non è giunta fin da noi in Italia, ma limitata al mercato indiano, per una prima sperimentazione che, se sarà di successo, aprirà le porte al resto dei mercati del mondo.

WhatsApp ha lanciato il servizio di pagamenti “peer-to-peer”, da un utente dall’altro, all’interno della sua applicazione di messaggistica.

La funzionalità, chiamata semplicemente Pagamenti, permette di inviare e ricevere denaro grazie alla piattaforma UPI (United Payments Interface) e alle banche indiane (per ora) che ne fanno parte.

Il sistema è ancora in fase di beta e l’accesso è limitato ad un numero ristretto di utenti, i quali devono già disporre di un account compatibile con UPI al fine di poter sfruttare la funzionalità. WhatsApp, infatti, al momento offre esclusivamente la possibilità di collegare un account esistente e non permette di crearne uno nuovo.

Al fine di poter sfruttare questa nuova funzione, sembra che sia necessario avere accesso alla versione 2.18.21 su iOS, mentre è necessaria la 2.18.41 su piattaforma Android.

Probabilmente come nazione dove sperimentare è stata scelta l’India perché qui l’applicazione di messaggistica istantanea è molto popolare soprattutto per via della scarsa velocità di connessione che rende gli altri social network difficili da utilizzare, a differenza delle funzioni basilari di WhatsApp, come la condivisione della posizione o delle immagini, che invece risultano molto utili da parte dei residenti del paese. Ogni giorno in India gli utilizzatori attivi sono 200 milioni: gli utenti di applicazioni mobile indiani sono ora più di quelli americani.

Per il momento non c’è alcuna traccia di una possibile espansione all’estero, e quindi nel nostro Paese. Ma dobbiamo anche dire che è presto per dirlo essendo appena uscito il rollout in India dopo un periodo di Beta.

Al momento, l’unica certezza è che, se il rollout globale di questa funzionalità venga completato, la piattaforma di messaggistica potrebbe diventare uno dei principali punti di riferimento per il mondo dei pagamenti online, visti gli oltre 1,5 miliardi di utenti che la utilizzano ogni giorno.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *