Elon Musk già pronto a testare i voli su martedì Elon Musk già pronto a testare i voli su martedì

Elon Musk già pronto a testare i voli su martedì

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 14 marzo 2018 redazione 0

L’uomo da centinaia di anni immagina l’esistenza di mondi paralleli oltre il nostro pianeta, e immagina di colonizzare terre lontane, Marte in primis, e... Elon Musk già pronto a testare i voli su martedì

L’uomo da centinaia di anni immagina l’esistenza di mondi paralleli oltre il nostro pianeta, e immagina di colonizzare terre lontane, Marte in primis, e se fosse Elon Musk il primo a riuscirci?

Troppo presto per dirlo, ma non ci vorrà ancora molto a scoprirlo: il patron di Tesla ha infatti appena annunciato che i test per i viaggi verso Marte inizieranno già dalla metà del prossimo anno.

Nello specifico, SpaceX potrebbe iniziare a porre le basi per le sue future missioni su Marte già verso la metà del 2019. Durante un discorso al SXSW, Elon Musk, CEO della società spaziale, ha affermato che i primi test sul novo razzo BFR potrebbero iniziare già entro la metà del 2019.

Secondo il magnate, i primi sbarchi umani su Marte potrebbero avvenire già nel 2024. Il razzo che dovrebbe arrivare su Marte, noto anche come BFR, o “big fuckiing rocket”, vanterebbe il doppio della spinta di decollo del Saturn V, il razzo utilizzato per mandare gli astronauti della NASA sulla Luna.

Anche se, a essere onesti, pare una timeline forse sin troppo ottimistica.

In ogni caso, quanto affermato da Elon Musk permette di capire che SpaceX sta lavorando al nuovo razzo BFR e che se davvero conta di utilizzarlo per le future missioni su Marte non potrà certamente ritardarne troppo il debutto.

Nello stesso discorso ha poi parlato dei soliti temi che tanto gli stanno a cuore: i pericoli derivanti dall’intelligenza artificiale, i viaggi spaziali appunto e la presenza di carbonio nell’atmosfera ed altre minacce che per ora sembrano relegate ad un futuro prossimo.

Per questo motivo secondo Musk l’unica risposta a queste minacce, e la chiave per la sopravvivenza dell’umanità, sta nei viaggi spaziali e nella colonizzazione di Marte e magari anche della Luna.

Secondo Musk una colonia umana su Marte porterebbe avanti la “fiaccola” della cultura umana nel peggiore dei casi.

A tal proposito ritorna anche sul discorso dell’intelligenza artificiale, considerata da Musk come uno dei pericoli che potrebbero mettere definitivamente la parola fine all’umanità: “L’IA è molto più pericolosa delle armi nucleari. Quindi perché non abbiamo alcun controllo regolamentare?”.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *