Whatsapp, i dati sono segreti e la privacy tutelata Whatsapp, i dati sono segreti e la privacy tutelata

Whatsapp, i dati sono segreti e la privacy tutelata

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 13 aprile 2018 redazione 0

Dopo lo scandalo che ha coinvolto Facebook e che ha scoperchiato il vaso di pandora sugli abusi perpetrati per anni ai danni dei dati... Whatsapp, i dati sono segreti e la privacy tutelata

Dopo lo scandalo che ha coinvolto Facebook e che ha scoperchiato il vaso di pandora sugli abusi perpetrati per anni ai danni dei dati sensibili di milioni di utenti, anche gli altri social stanno correndo ai ripari, per tutelarsi ma anche per rassicurare i fruitori delle proprie piattaforme, che appaiono molto preoccupati.

A far sentire la propria voce c’è in primis WhatsApp, che fa parte dell’impero di Mark Zucherberg ma che allo stesso tempo vuole sottolineare bene i confini: mai i dati dei suoi utenti sono stati usati illecitamente.

Nello specifico, WhatsApp fa sapere ai propri utenti che i loro dati e le loro comunicazioni sono private. Lo fa attraverso una nuova sezione FAQ, appena pubblicata sul suo sito Web ufficiale.

La sezione in questione recita testualmente: “Crittografia end-to-end per i messaggi con aziende e piccole attività. Per noi, la tua privacy è importante. Tutte le chiamate e i messaggi WhatsApp sono protetti dalla crittografia end-to-end. Questo assicura che soltanto tu e la persona con cui stai comunicando possiate leggere i tuoi messaggi o ascoltare le tue chiamate, e nessun altro, nemmeno WhatsApp. WhatsApp consegnerà sempre i messaggi che invii a un’attività o un’azienda crittografati end-to-end. Tuttavia, tieni presente che, quando contatti un’attività o un’azienda, i tuoi messaggi potrebbero essere visualizzati da più persone che vi lavorano. Inoltre, alcune aziende che utilizzano la nostra soluzione enterprise potrebbero avvalersi di altre società per gestire le loro comunicazioni, ad esempio, per conservare, leggere e rispondere ai tuoi messaggi. L’attività o l’azienda con cui comunichi ha la responsabilità di assicurarsi che i tuoi messaggi siano gestiti nel rispetto della nostra Informativa sulla privacy. Per maggiori informazioni, contatta direttamente l’attività o l’azienda”.

Va tenuto presente comunque che la sezione specifica si applica (almeno nei fatti) solo a WhatsApp Business, la versione dell’applicazione che consente agli utenti di connettersi con imprese, il che rende anche chiaro il motivo per cui i dati scambiati attraverso questa piattaforma siano importanti da proteggere, visto che l’app è in fase di adozione anche da parte di compagnie aeree ed altre società che gestiscono i dati personali.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *