Vodafone continua ad aumentare le sue tariffe e rischia di perdere utenti Vodafone continua ad aumentare le sue tariffe e rischia di perdere utenti

Vodafone continua ad aumentare le sue tariffe e rischia di perdere utenti

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 2 maggio 2018 redazione 0

Gli utenti di telefonia mobile, volenti e nolenti, in questo periodo sono stati molto pazienti: prima la fatturazione a 28 poi, poi il ritorno... Vodafone continua ad aumentare le sue tariffe e rischia di perdere utenti

Gli utenti di telefonia mobile, volenti e nolenti, in questo periodo sono stati molto pazienti: prima la fatturazione a 28 poi, poi il ritorno alla fatturazione mensile ma con annesso un aumento per non perdere la 13 esima mensilità, ora nuovi aumenti in arrivo.

Del resto c’è stato poco da fare dato che, con una sorta di cartello illegale, tutte le compagnie hanno agito allo stesso modo per “costringere” i clienti a magari, ma a quanto pare è Vodafone quella che sta tirando troppo la corda, ed o clienti sono letteralmente infuriati.

Vodafone, a partire dal prossimo 27 maggio, aumenterà le tariffe fino a 1,49 euro. Purtroppo l’operatore, come molti altri, non ha preso bene la modifica obbligatoria dettata dalla Commissione Europea per la rimodulazione delle offerte in base al mese solare e non più con rinnovo ogni 28 giorni.

Se già i clienti erano infuriati per l’aumento dei costi immotivato, la situazione è peggiorata quando Vodafone ha corretto la nota precedentemente presentata dichiarando che i costi delle offerte saranno maggiorate di ben 3 euro.

Vodafone stessa è adesso preoccupata per la possibilità che gli utenti possano recedere dal contratto e optare per qualche altra compagnia telefonica con prezzi più vantaggiosi.

Chi lo vuole infatti, può cancellare il proprio contratto con Vodafone senza subire alcuna penale. I clienti possono infatti inviare una raccomandata al Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10.0.15 Ivrea e spiegare i motivi per cui si intende recedere dal contratto.

Per indorare la pillola, la compagnia ha però deciso di proporre alcuni regali. Il primo è di possibile attivazione solo per coloro che sono iscritti a Vodafone Happy e prevede il regalo di alcuni giga extra che dipendono dal numero di anni in cui il cliente usufruisce della suddetta compagnia telefonica. Il secondo regalo riguarda invece tutti i clienti che subiranno i rincari, a cui la compagnia ha deciso di regalare per un anno 2 GB al mese.

Riuscirà questa mossa a smorzare i malumori?

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *