Tasse, prima scadenza per Imu e Tasi Tasse, prima scadenza per Imu e Tasi

Tasse, prima scadenza per Imu e Tasi

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 31 maggio 2018 redazione 0

Le scuole sono quasi finite, il sole splende in cielo e l’estate è alle porte: tutto perfetto se non fosse che, puntualissime, arrivano le... Tasse, prima scadenza per Imu e Tasi

Le scuole sono quasi finite, il sole splende in cielo e l’estate è alle porte: tutto perfetto se non fosse che, puntualissime, arrivano le scadenze delle tasse, che si fanno di anno in anno più pesanti.

Contribuenti, imprese e professionisti dovranno fare i conti con importanti scadenze e adempimenti e la data più importante da ricordare è quella del 18 giugno 2018, termine per il versamento dell’acconto IMU e Tasi.

L’Imu è decisamente conosciuta, è la tassa sulla casa, mentre la Tasi è più criptica. Innanzitutto, Tasi è l’acronimo di Tassa sui Servizi Indivisibili. Detto così vuol dire poco, ma in poche parole si tratta di un’imposta che noi paghiamo al comune in cui abitiamo, per avere tutti quei servizi che appunto il comune eroga per noi.

La Tasi non deve essere pagata da chi possiede la cosiddetta prima casa, ovvero, un’abitazione che è anche quella principale. Mentre va pagata da chi possiede una seconda casa, un negozio, un ufficio, un immobile di impresa e un fabbricato rurale ad uso strumentale. C’è un’eccezione per la prima casa, ovvero, se questa rientra nella categoria di prima casa di lusso: in quel caso va pagata.

Entro la scadenza, quindi, bisognerà effettuare il versamento di quanto dovuto tramite modello F24 o con lo speciale bollettino postale centralizzato. Va ricordato che il versamento va fatto solo se l’importo  (annuale) dovuto supera i 12 euro. Da tenere presente che gli arrotondamenti si fanno all’euro, per difetto quando si di fronte a un importo che contiene fino a 49 centesimi, per eccesso se invece è superiore.

Le banche sono ormai quasi tutte attrezzate per consentire il pagamento del modello F24 anche tramite il servizio di home banking, rendendo quindi anche più semplice il versamento dell’imposta, senza bisogno di recarsi allo sportello.

Sempre a giugno è di norma previsto il versamento delle imposte sui redditi, ma per il 2018 la scadenza prorogata a lunedì 2 luglio, in quanto il termine ordinario del 30 giugno cade di sabato.

Da sempre il mese di giugno è quello delle “tasse”: fino al 2016 il 16 giugno era noto come il Tax Day, giorno in cui scadevano sia Imu e Tasi che le imposte e i contributi calcolati nella dichiarazione dei redditi.

Oltre alle due scadenze che caratterizzano il mese, anche a giugno 2018 bisognerà tenere a mente il termine previsto per gli adempimenti periodici IVA, Irpef e INPS, nonché quello per l’invio degli elenchi Intrastat.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *