Porsche ha la sua prima auto completamente elettrica Porsche ha la sua prima auto completamente elettrica

Porsche ha la sua prima auto completamente elettrica

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 12 giugno 2018 redazione 0

Ormai tutti sono concordi nel ritenere che la mobilità del futuro passerà sempre più per l’utilizzo dell’elettricità e sempre meno dei carburanti tradizionali, e... Porsche ha la sua prima auto completamente elettrica

Ormai tutti sono concordi nel ritenere che la mobilità del futuro passerà sempre più per l’utilizzo dell’elettricità e sempre meno dei carburanti tradizionali, e proprio in quest’ottica durante i festeggiamenti del settantesimo anniversario della Porsche si è respirata aria di cambiamento: oltre a celebrare il passato, i vertici della Casa tedesca hanno infatti voluto anticipare anche il futuro.

Durante il suo secondo intervento sul palco del Museo Porsche, il ceo Oliver Blume ha parlato della nuova strategia di elettrificazione, annunciando anche il nome Taycan con il quale sarà battezzata la prima elettrica di nuova generazione.

Taycan è una berlina sportiva completamente elettrica, la prima di questo genere creata da Porsche per aprire la strada al processo di elettrificazione dell’intera gamma di vetture.

La nuova Taycan prende spunto da molte caratteristiche della concept conosciuta come Mission. Il nome Taycan significa puledro veloce, scelto per omaggiare il logo della Casa e anche per sottolineare l’essenza sportiva e dinamica di questa nuova auto, che nonostante si tratti di una berlina sportiva a 4 porte, non rinuncia alle caratteristiche tipiche di Porsche, all’indole della Casa.

La Porsche Taycan utilizzerà due motori sincroni a magneti permanenti che genereranno una potenza complessiva di oltre 600 CV: lo 0-100 km/h richiederà meno di 3,5 secondi mentre basteranno meno di 12 secondi per toccare i 200 km/h.

Le batterie saranno integrate nel fondo dell’auto e lasceranno dei pozzetti liberi per permettere ai passeggeri di avere più spazio per i piedi: l’autonomia sarà superiore ai 500 km e grazie alla tecnologia 800 V la Taycan potrà ripristinare l’80% della propria autonomia in soli 15 minuti.

La Porsche Taycan è comunque solo l’inizio: sarebbero infatti 500 i milioni di Euro che il marchio di Stoccarda starebbe investendo nello sviluppo di questa vettura e delle sue future varianti e derivate; la prima potrebbe essere una Taycan Cross Turismo.

Porsche ha quindi svelato la sua linea di sviluppo, rivelando che entro il 2022 vorrebbelettrificare tutta la gamma, investendo ingenti risorse, realizzando per ogni modello almeno una variante elettrica o ibrida plug-in.

I centri produttivi quindi dovranno essere rivisti per inserire le nuove catene di montaggio per la realizzazione dei nuovi motori elettrici. Questo significa anche avere circa 1.200 posti di lavoro vacanti e il dovere di investire in infrastrutture che accompagnino il processo di elettrificazione del settore automotive.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *