Tesla, in Cina costruirà 500 mila auto all’anno Tesla, in Cina costruirà 500 mila auto all’anno

Tesla, in Cina costruirà 500 mila auto all’anno

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 13 luglio 2018 redazione 0

Continua il periodo non proprio roseo per Tesla, con i conti perennemente in rosso e le difficoltà di produzione e persino di tenuta delle... Tesla, in Cina costruirà 500 mila auto all’anno

Continua il periodo non proprio roseo per Tesla, con i conti perennemente in rosso e le difficoltà di produzione e persino di tenuta delle auto su strada, ma sembra che tutte queste questioni con preoccupino per nulla Elon Musk, che al contrario pensa a crescere ed espandersi.

Ed infatti è di queste ore la notizia di un accordo con la Cina per la costruzione di una gigantesca fabbrica fuori dai confini americani: la casa californiana ha infatti siglato un accordo preliminare con il governo regionale di Shanghai per la realizzazione di una fabbrica delle sue vetture 100% elettriche.

L’importanza dell’iniziativa la si può dedurre dalla definizione che ne ha dato la stessa Tesla: “uno stabilimento che mira a rivaleggiare con quello di Fremont, in California”.

La terza Gigafactory di Tesla verrà quindi realizzata in Cina, con l’ambizioso obiettivo di raggiungere quota 500.000 auto all’anno prodotte su territorio asiatico per incrementare sempre di più la propria presenza nel mercato dei veicoli elettrici su scala mondiale.

“Ci aspettiamo che la costruzione inizi nel prossimo futuro, dopo che avremo ottenuto tutte le autorizzazioni e permessi necessari” ha esposto Tesla in un comunicato. “Da lì, ci vorranno circa due anni prima che inizieremo a produrre veicoli in loco e poi altri due o tre anni prima che la fabbrica sia in piena espansione per produrre circa 500.000 veicoli all’anno per i clienti cinesi”.

“Il governo municipale darà pieno supporto alla costruzione della fabbrica di Tesla e si batterà per creare un ambiente migliore e per fornire migliori servizi per lo sviluppo di diverse aziende a Shanghai, Tesla inclusa”, ha dal canto affermato il sindaco di Shangai, dopo aver chiarito che la città “sta accelerando l’implementazione della politica aperta del governo centrale, lavorando duro per costruire un nuovo sistema industriale con al suo centro moderne industrie dei servizi”.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *