Pacchetto Sud, il governo pensa a misure per le regioni svantaggiate Pacchetto Sud, il governo pensa a misure per le regioni svantaggiate

Pacchetto Sud, il governo pensa a misure per le regioni svantaggiate

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 15 agosto 2018 redazione 0

Anche se ufficialmente Parlamento e Governo sono in ferie fino a settembre, il lavoro non sembra arrestarsi, ed anzi idee e progetti sono in... Pacchetto Sud, il governo pensa a misure per le regioni svantaggiate

Anche se ufficialmente Parlamento e Governo sono in ferie fino a settembre, il lavoro non sembra arrestarsi, ed anzi idee e progetti sono in lavorazione, in attesa di discuterli in sede di legge di bilancio, nel corso della quale si dovranno reperire i fondi necessari.

Si pensa a un potenziamento del settore giustizia, a un netto taglio al cuneo fiscale che opprime gli italiani, e a quanto pare una serie corposa di misure mirate alle regioni più svantaggiate della penisola.

Varie le misure del ‘Pacchetto Sud’ allo studio in vista della manovra. Nulla di ufficiale, al momento si tratta solo di indiscrezioni.

Alcune misure, si apprende in ambienti di governo, sarebbero già finanziate. Il “Pacchetto Sud”, messo a punto dal ministro per il Mezzogiorno Barbara Lezzi, in parte sarebbe già finanziato con risorse disponibili e stanziate, e in parte dovrà invece trovare i necessari stanziamenti.

In primis si pensa a una spinta agli investimenti, pubblici e privati, ma anche alla stabilizzazione del bonus al 100% per i contratti stabili per le imprese che assumono a tempo indeterminato nel Mezzogiorno, che altrimenti scade a fine anno.

Contattata mentre trascorre le vacanze in Salento, il ministro per il Sud Barbara Lezzi non entra nel dettaglio delle misure allo studio ma sottolinea la consapevolezza del banco di prova di settembre anche per il suo dicastero, chiamato a «disincagliare» il Mezzogiorno da una condizione di affanno strutturale.

«Chiaramente – dice – nella legge di Bilancio ci saranno misure specifiche per il Sud e altre che, nel riguardare tutto il Paese, potranno avere un impatto positivo anche e soprattutto per il Mezzogiorno. Per quanto attiene alle mie specifiche competenze dirette, il caposaldo resta l’introduzione del 34% degli investimenti ordinari da destinare al Sud», visto che attualmente la percentuale di stanziamenti ordinari in conto capitale non supera il 29%.

La misura che lega gli investimenti alla popolazione di riferimento (criterio che porta la quota per il Mezzogiorno al 34%) era stata già prevista con la legge di Bilancio per il 2017 ma «non attuata».

Altro capitolo quello della decontribuzione, che al Sud è stata potenziata anche per il 2018 con un incentivo al 100% (con tetto a 8.060 euro) per le assunzioni stabili non solo di giovani, ma anche di over 35 disoccupati da almeno 6 mesi. Il «potenziamento» però scade a fine anno e l’intenzione sarebbe appunto quella di renderlo un bonus «permanente».

Infine, si lavora anche a semplificazioni che consentano di snellire per procedure per l’uso dei fondi europei.

Se è vero che non mancano sprechi e inefficienze, dicono al ministero della Coesione Territoriale, va detto che spesso le amministrazioni periferiche vengono «ingolfate e strozzate» da un sistema burocratico la cui complessità appesantisce e rallenta le procedure. In questo contesto, diventa funzionale intervenire in contemporanea sul fronte interno e sul fronte europeo, con la Commissione.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *