Truffe online, occhi aperti al cambio Iban per incassare fatture altrui Truffe online, occhi aperti al cambio Iban per incassare fatture altrui

Truffe online, occhi aperti al cambio Iban per incassare fatture altrui

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 10 ottobre 2018 redazione 0

Purtroppo, negli ultimi mesi, abbiamo avuto spesso modo di parlare di tentativi di raggiri e truffe ai danno dei clienti dei principali istituti bancari... Truffe online, occhi aperti al cambio Iban per incassare fatture altrui

Purtroppo, negli ultimi mesi, abbiamo avuto spesso modo di parlare di tentativi di raggiri e truffe ai danno dei clienti dei principali istituti bancari del nostro paese.
Nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di pishing: in sostanza, attraverso mail ed sms, si chiede ai malcapitati di inserire i propri dati sensibili, apparentemente per confermare il proprio conto, ma in realtà per rubarli ed usarli per loschi fini.
Ma stavolta i truffatori si sono spinti ancora più oltre, riuscendo a mettere a segni già centinaia di colpi.
Questa volta, nello specifico, è il turno dei clienti Unicredit, BNL, SanPaolo (e altre banche) che sono finiti adesso nel mirino dei cosiddetti truffatori dell’Iban:
La tecnica è semplice ma efficace purtroppo: cambiare l’Iban delle fatture spedite via posta elettronica, inserire il proprio e incassare l’importo senza lasciare traccia della propria presenza.
Come riuscire allora a rendersi conto dell’intrusione? Praticamente impossibile se non verificare tutte le volte quanto si sta facendo. Sono già centinaia le aziende e i cittadini che sono rimasti impigliati della rete.
Come al solito, l’unico modo per evitare questi problemi è fare l’addebito in conto corrente, per evitare il raggiro delle fatture con IBAN modificati, mentre per il phishing, basta semplicemente non aprire quelle mail. Le banche non comunicano mai queste informazioni, se non di persona nelle filiali.
Occhi aperti quindi, soprattutto se si considera che solo quest’anno si sono verificate oltre 26.600 frodi sul credito in Italia. Il giro d’affari non può che essere da capogiro: 153 milioni di euro. E c’è soprattutto una percentuale che lascia interdetti: l’aumento del 49% delle truffe sulle carte di credito rispetto ai 12 mesi precedenti.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *