Bilancio, spunta ecotassa che scontenta tutti Bilancio, spunta ecotassa che scontenta tutti

Bilancio, spunta ecotassa che scontenta tutti

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 10 dicembre 2018 redazione 0

L’Italia non sarà certo il primo paese che farà pagare una tassa a chi inquinerà maggiormente l’aria con il suo veicolo, ma l’ecotassa spuntata... Bilancio, spunta ecotassa che scontenta tutti

L’Italia non sarà certo il primo paese che farà pagare una tassa a chi inquinerà maggiormente l’aria con il suo veicolo, ma l’ecotassa spuntata a sorpresa nella manovra di bilancio in via di approvazione alle Camere sembra scontentare proprio tutti.

Nello specifico, un emendamento approvato la scorsa settimana prevede da una parte incentivi alle auto a basse emissioni, a gas, ibride o elettriche, e dall’altra l’introduzione di una nuova tassa “parametrata al numero dei grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro, eccedenti la soglia di 110 CO2 g/km”.

La tassa va da un minimo di 150 euro a un massimo di 3.000 euro e si applica alle immatricolazioni di vetture “nuove di fabbrica”, quindi non sul parco auto circolante, ma solo quello acquistato a partire dal primo gennaio 2019.

Le proteste però sono iniziate immediatamente, sindacati e imprese hanno immediatamente fatto sentire la loro voce, tanto che il governo ha già provato a mettere una pezza.

“Sono assolutamente contrario a ogni ipotesi di nuova tassa su beni già ipertassati e più tassati d’Europa”, ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini giovedì mattina, dopo che la proposta di modifica alla Manovra è stata evidenziata dagli attori del settore e dalla stampa, a Radio Uno. “Non credo che uno abbia una macchina vecchia per piacere ma perché non ha la possibilità”, ha aggiunto aprendo di fatto un nuovo fronte con l’alleato di governo.

Di parer opposto la sottosegretaria all’Economia, Laura Castelli: “La volontà del governo è quella di tenerla. Sta nel contratto di governo”. “Le persone meno abbienti non sono colpite – ha chiarito – c’è stato un dibattito mediatico, ma penso che la norma non sia stata letta in maniera approfondita. Non colpisce né chi ha un’auto vecchia, né chi acquista un’utilitaria sotto una certa cilindrata”.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *