Giappone, Carlos Ghosn è stato formalmente incriminato Giappone, Carlos Ghosn è stato formalmente incriminato

Giappone, Carlos Ghosn è stato formalmente incriminato

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 12 dicembre 2018 redazione 0

Prima l’arresto, ora la conferma ufficiale della sua incriminazione: è un periodo nero per Nissan e soprattutto per il suo ex patron, Carlos Ghosn.... Giappone, Carlos Ghosn è stato formalmente incriminato

Prima l’arresto, ora la conferma ufficiale della sua incriminazione: è un periodo nero per Nissan e soprattutto per il suo ex patron, Carlos Ghosn.

L’ex presidente e amministratore delegato dell’azienda automobilistica giapponese Nissan Motor, Carlos Ghosn, arrestato lo scorso 19 novembre, è infatti stato formalmente incriminato per aver sottostimato i propri compensi nei report alle autorità di borsa tra il 2010 e il 2015. Il nuovo arresto consentirà ai pubblici ministeri di poterlo interrogare ancora e di tenerlo in stato di detenzione per altri 22 giorni.

Per di più, oltre alle accuse già formulate a suo carico, pare anche che abbia sottostimato i suoi compensi anche negli ultimi tre anni, fino al marzo 2018.

In totale, la sottostima della sua remunerazione ammonterebbe all’equivalente di circa 9 miliardi di yen (70 milioni di euro).

All’interno di Nissan è stata svolta un’indagine interna grazie alla segnalazione di un dipendente – il cui nome è rimasto anonimo – e da questa sarebbe emerso che Ghosn si sarebbe reso protagonista di alcuni abusi, tra cui l’utilizzo dei fondi della società per proprio tornaconto e la riduzione sistematica dei proprio compensi nelle comunicazioni ufficiali.

Ghosn, dal canto suo, finora continua a negare ogni addebito, sostenendo di aver assunto pareri legali secondo cui non era necessario indicare esplicitamente i compensi addizionali che avrebbe dovuto ricevere solo una volta che avesse lasciato la società. Se dovesse essere giudicato colpevole, rischia fino a 10 anni di carcere o una pesante multa pecuniaria.

La procura di Tokyo ha inoltre incriminato Nissan come società per le false comunicazioni alle autorità di Borsa relative ai compensi del suo ormai ex top manager.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *