Petrolio, le quotazioni resteranno basse per tutto il 2019? Petrolio, le quotazioni resteranno basse per tutto il 2019?

Petrolio, le quotazioni resteranno basse per tutto il 2019?

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 4 gennaio 2019 redazione 0

Gli ultimi mesi del 2018 sono stati caratterizzati da un lento ma inarrestabile crollo nelle quotazioni del barile del petrolio, calo che non sembra... Petrolio, le quotazioni resteranno basse per tutto il 2019?

Gli ultimi mesi del 2018 sono stati caratterizzati da un lento ma inarrestabile crollo nelle quotazioni del barile del petrolio, calo che non sembra accennare a diminuire neppure con l’arrivo del nuovo anno.

Riusciranno le quotazioni a risollevarsi nei prossimi mesi?

Secondo un sondaggio Reuters che coinvolge 32 economisti e analisti,  i prezzi del greggio sono destinati a rimanere sotto i 70 dollari al barile nel 2019 dato che la produzione in eccedenza, in gran parte proveniente dagli Stati Uniti, e il rallentamento della crescita economica, mineranno gli sforzi dell’OPEC a equilibrare il mercato.

Gli esperti prevedono quindi che il petrolio Brent del Mare del Nord raggiungerà una media di 69,13 dollari al barile nel 2019, oltre 5 dollari in meno rispetto alla proiezione del mese scorso.

Si tratterà comunque di un buon risultato, se si considera che nelle ultime sedute si è arrivati al massimo intorno ai 52 dollari a barile.

Ricordiamo che dal settembre 2017 il petrolio non aveva mai smesso di correre fino a toccare il massimo il 3 ottobre 2018 a quota 76,90 dollari al barile. Nell’arco di 13 mesi (settembre 2017-ottobre 2018) l’oro nero aveva guadagnato, dunque, circa il 70%. Da ottobre, però, tutto è cambiato e gli investitori hanno dovuto incassare un’improvvisa discesa delle quotazioni: negli ultimi due mesi dell’anno il prezzo del petrolio ha perso il 60% chiudendo il 2018 sugli stessi valori depressi di settembre 2017.

Secondo JP Morgan, se l’OPEC non aderirà all’accordo del mese scorso e non ridurrà la produzione allora il Brent farà fatica a rialzare la testa e continuerà a scambiare in preda alla debolezza nei mesi a venire.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *