Cina, l’economia continua a rallentare Cina, l’economia continua a rallentare

Cina, l’economia continua a rallentare

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 16 gennaio 2019 redazione 0

Da quando è iniziata la guerra con gli Usa, la situazione cinese continua a peggiorare, con i dati appena diffusi che lanciano una luce... Cina, l’economia continua a rallentare

Da quando è iniziata la guerra con gli Usa, la situazione cinese continua a peggiorare, con i dati appena diffusi che lanciano una luce quanto mai inquietante sul prossimo futuro dell’economia asiatica.

Il governo cinese ha infatti reso noto che nel 2018 le esportazioni della Cina sono aumentate del 7,1% e le importazioni del 12,9%. I dati segnano un rallentamento della crescita commerciale cinese: nel 2017 le esportazioni salirono del 7,9% e le importazioni del 15,9% rispetto all’anno precedente.

In sostanza, le esportazioni cinesi sono inaspettatamente diminuite ai minimi degli ultimi due anni lo scorso dicembre, mentre le importazioni si sono contratte, indicando un’ulteriore debolezza della seconda maggiore economia mondiale nel 2019 e il deterioramento della domanda globale.

Nel contempo, il surplus della Cina verso gli Stati Uniti è aumentato del 17,2% a 323,32 miliardi di dollari l’anno scorso, il punto più alto mai registrato fino al 2006, secondo i calcoli fatti dall’agenzia Reuters basati sui dati doganali: questo non aiuta le difficili relazioni fra i due Paesi.

Le vendite di veicoli in Cina sono inoltre diminuite lo scorso anno, per la prima volta dal 1990, a causa dell’incertezza economica gravante sulla domanda. Le vendite di auto hanno raggiunto l’anno scorso i 28,08 milioni, ha reso noto l’Associazione cinese dei produttori di automobili, in calo del 2,8% rispetto all’anno precedente. Le vendite di autovetture sono scese a 23,71 milioni, in calo del 4,1% rispetto ai 24,72 milioni del 2017, mentre le vendite di veicoli commerciali sono salite a 4,37 milioni, in aumento del 5,1% rispetto ai 4,16 milioni nel 2017. In forte aumento (+61,7%) le vendite di auto elettriche a 1,26 milioni.

«Il commercio estero della Cina è cresciuto costantemente e sono stati compiuti progressi, raggiungendo un livello record di importazioni ed esportazioni», ha detto Li Kuiwen, portavoce dell’Amministrazione delle Dogane, che ha anche confermato che la più grande preoccupazione nel commercio di quest’anno restano le incertezze esterna e il protezionismo, prevedendo che la crescita del commercio del paese possa rallentare ancora nel 2019.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *