Smartphone, per il Tar il ministero deve informare sui rischi Smartphone, per il Tar il ministero deve informare sui rischi

Smartphone, per il Tar il ministero deve informare sui rischi

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 18 gennaio 2019 redazione 0

Anche se non siete dipendenti e lo tenete costantemente tra le mani, è indubbio che ognuno di voi possiede uno smartphone o comunque un... Smartphone, per il Tar il ministero deve informare sui rischi

Anche se non siete dipendenti e lo tenete costantemente tra le mani, è indubbio che ognuno di voi possiede uno smartphone o comunque un telefono cellulare, per chiamare, messaggiare, essere connessi con il resto del mondo.

Un accessorio che è diventato nel tempo una vera e propria protesi del nostro braccio, l’oggetto irrinunciabile per eccellenza, che però non è scevro di rischi per la nostra salute.

Ed è su questo aspetto che ha appena sentenziato il Tar del Lazio: entro sei mesi i ministeri dell’Ambiente, della Salute e dell’Istruzione dovranno adottare una campagna informativa sui rischi per la salute e per l’ambiente connessi all’uso improprio dei telefonini.

La sentenza è arrivata in queste ore come risposta ad una causa intentata  dall’Associazione per la prevenzione e la lotta all’elettrosmog.

L’associazione si era rivolta ai giudici amministrativi per contestare l’inerzia dei ministeri in relazione a un atto di diffida del 28 giugno 2017 diretto a promuovere l’adozione di provvedimenti finalizzati all’informazione capillare della popolazione, nonché per obbligare i ministeri a emanare il decreto del febbraio 2001 contenente la “Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici”.

Non potendo imporre ai ministeri l’emanazione di un decreto, il tribunale amministrativo ha comunque imposto ai ministeri di provvedere ad adottare una campagna informativa, rivolta alla intera popolazione, avente a oggetto l’individuazione delle corrette modalità d’uso degli apparecchi di telefonia mobile (telefoni cellulari e cordless) e l’informazione dei rischi per la salute e per l’ambiente connessi a un uso improprio di tali apparecchi.

La campagna d’informazione e d’educazione ambientale dovrà essere attuata nel termine di sei mesi dalla notifica della sentenza «avvalendosi dei mezzi di comunicazione più idonei ad assicurare una diffusione capillare delle informazioni in essa contenute».

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *