Fisco, bisognerà lavorare solo per le tasse fino a giugno Fisco, bisognerà lavorare solo per le tasse fino a giugno

Fisco, bisognerà lavorare solo per le tasse fino a giugno

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 11 febbraio 2019 redazione 0

Tasse, tasse, tasse: le famiglie e le imprese italiane si sentono subissate dal cuneo fiscale, che a quanto pare nel 2019 sarà ancora maggiore,... Fisco, bisognerà lavorare solo per le tasse fino a giugno

Tasse, tasse, tasse: le famiglie e le imprese italiane si sentono subissate dal cuneo fiscale, che a quanto pare nel 2019 sarà ancora maggiore, dopo un quinquennio in cui sembrava essersi stabilizzato.

Soldi, quelli che vengono versati nelle casse dell’erario, che costano tempo e sacrifici: anche quest’anno si lavorerà fino a giungo solo per guadagnare il denaro necessario per pagare tutte le imposte.

Come di consueto è la Cgia a fare i conti e a dirci che esattamente fino al 4 giugno, un giorno in più rispetto allo scorso anno, andremo a lavoro solo per pagare le tasse, e solo dopo i guadagni potranno essere destinati a sé e alla propria famiglia.

Il 4 giugno celebreranno quindi il tanto sospirato giorno di liberazione fiscale (o «tax freedom day»): ben 154 giorni si lavorerà per pagare Irpef, accise, Imu, Tasi, Iva, Tari, addizionali varie, Irap, Ires, e chi più ne ha più ne metta.

«Nonostante i correttivi apportati in zona Cesarini con il maxiemendamento – ha commentato il coordinatore dell”Ufficio studi Paolo Zabeo – la manovra di Bilancio del 2019 non ha introdotto quello shock fiscale che tutti si attendevano. Anzi, stando alle previsioni elaborate dal Ministero dell”Economia la pressione fiscale per l’anno in corso è destinata addirittura ad aumentare, dopo cinque anni in cui ciò non accadeva. Oltre a ciò, va segnalato che con la rimozione del blocco dei tributi locali prevista dalla manovra c’è il pericolo che torni ad
aumentare anche il peso delle tasse locali che erano bloccate dal 2016. Senza contare che è necessario disinnescare le clausole di salvaguardia – conclude – altrimenti dall’inizio del 2020 subiremo un aumento dell’Iva da far tremare i polsi».

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *