Produzione industriale, un crollo come non accadeva dal 2012 Produzione industriale, un crollo come non accadeva dal 2012

Produzione industriale, un crollo come non accadeva dal 2012

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 11 febbraio 2019 redazione 0

Anche a rischio di sembrare ripetitivi o pedanti, tornano alla mene le recenti parole del Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, che preannunciava uno... Produzione industriale, un crollo come non accadeva dal 2012

Anche a rischio di sembrare ripetitivi o pedanti, tornano alla mene le recenti parole del Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, che preannunciava uno straordinario boom economico per quest’anno, come anche quelle del premier Giuseppe Conte che, dinanzi al taglio delle stime di crescita, parlava di una momentanea congiuntura negativa che si sarebbe risolta nel corso dell’anno.

Anche a voler essere ottimisti e a voler dare credito alle loro affermazioni, i dati purtroppo parlano chiaro: anche la produzione industriale crolla in Italia, un crollo così pesante che non si vedeva dal 2012, nel pieno della crisi economica internazionale.

Nello specifico, a dicembre la produzione industriale ha subito un calo dello 0,8% rispetto al mese precedente: si tratta, secondo l’Istat, della quarta contrazione consecutiva.

Su base annua l’indice segna invece un ribasso del 5,5%, la diminuzione tendenziale più accentuata dal dicembre del 2012.

Tutti i principali settori di attività economica registrano variazioni tendenziali negative. Le più rilevanti sono quelle dell’industria del legno, della carta e stampa (-13,0%), delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-11,1%) e della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (-7,9%).

“L’indicatore anticipatore ha registrato una marcata flessione – si legge nella nota congiunturale mensile – prospettando serie difficoltà di tenuta dei livelli di attività economica”.

Riguardo alla disoccupazione, il tasso nel 2018 si è invece fermato al 10,6%, 0,7 punti percentuali in meno rispetto al 2017. Negli ultimi cinque anni, fa notare l’Istat, “il tasso di disoccupazione ha mostrato una diminuzione di 1,5 punti percentuali, tornando ai livelli del 2012, ma restando ancora lontano dal minimo storico del 2007 (6,1%)”.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *