Apple, persa la prima battaglia contro Qualcomm Apple, persa la prima battaglia contro Qualcomm

Apple, persa la prima battaglia contro Qualcomm

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 18 marzo 2019 redazione 0

Il colosso non si aspettava certo un verdetto del genere, ed ad onor del vero anche la maggior parte degli esperti del settore non... Apple, persa la prima battaglia contro Qualcomm

Il colosso non si aspettava certo un verdetto del genere, ed ad onor del vero anche la maggior parte degli esperti del settore non ci avrebbero scommesso molto, ma questa volta Davide batte Golia: un tribunale ha deciso che Apple dovrà pagare 31 milioni di dollari di danni per la violazione dei brevetti di una tecnologia, di proprietà del produttore di chip mobili Qualcomm, che aiuta gli iPhone a connettersi rapidamente a internet e prolungare la durata della batteria.

Questo verdetto è solo una parte di una più ampia battaglia legale che contrappone Apple e Qualcomm, in lite per decidere chi abbia inventato e chi abbia utilizzato in modo fraudolento diverse tecnologie-chiave per il funzionamento degli smartphone, ma questa prima vittoria non è certo questione di poco, per il denaro in gioco ma anche per la credibilità delle due aziende.

La giuria che ha emesso la sentenza ha sposato all’unanimità la tesi di Qualcomm, secondo cui Apple avrebbe dovuto pagare 1,41 dollari per ogni dispositivo mobile venduto per aver utilizzato senza licenza tre brevetti sugli iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X.

Questo giudizio “è l’ultima vittoria nella nostra disputa legale mondiale per riconoscere che Apple sta usando le nostre tecnologie senza pagare”, ha detto Qualcomm in una nota.

“La campagna in corso sulla violazione dei brevetti da parte di Qualcomm non è altro che un tentativo di distrazione dalle questioni più importanti che loro stessi devono affrontare nelle indagini per pratiche commerciali scorrette negli Stati Uniti e nel mondo”, il piccato commento di Cupertino.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *