Apple ora deve vedersela con l’Antitrust olandese Apple ora deve vedersela con l’Antitrust olandese

Apple ora deve vedersela con l’Antitrust olandese

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 16 aprile 2019 redazione 0

Negli ultimi mesi abbiamo avuto modo di parlare più volte di Apple e non sempre per dare buone nuove: per la prima volta nella... Apple ora deve vedersela con l’Antitrust olandese

Negli ultimi mesi abbiamo avuto modo di parlare più volte di Apple e non sempre per dare buone nuove: per la prima volta nella sua storia, infatti, è stato certificato un calo delle vendite, che non si è riuscito ad arginare neppure ritoccando i prezzi al ribasso.

Ma non sono mancate neppure le beghe legali, ed infatti di una di queste raccontiamo oggi: la mela morsicata deve ora vedersela anche con l’Antitrust olandese.

La Netherlands Authority for Consumers and Markets ritiene infatti che Apple abbia abusato della sua posizione con l’App Store relativamente al mercato delle applicazioni mobile, come segnalato da diversi sviluppatori.

L’indagine ha lo scopo di determinare se Apple ha violato il divieto di abuso di posizione dominante vigente nei Paesi Bassi, soprattutto per quanto riguarda eventuali trattamenti di favore per le app realizzate da Apple rispetto a quelle prodotte da sviluppatori di terze parti.

“All’inizio l’indagine si concentrerà su Apple perché al momento i report più dettagliati sono stati ricevuti sull’App Store”, spiega l’autorità, che chiama gli sviluppatori a riferire di problemi analoghi sul negozio di Google.

Acm aggiunge che la mancanza di vere e proprie alternative ai negozi di app offre alle principali aziende del settore l’opportunità di stabilire delle condizioni inique e spesso impedisce alle terze parti di competere in modo equo con le applicazioni di Apple o con quelle preinstallate sui dispositivi Android.

In ogni caso gli ufficiali sottolineano che Apple è innocente fino a prova contraria e che l’indagine potrebbe essere estesa anche a Google Play Store se dovessero emergere accuse simili indirizzate anche allo store digitale di Google per l’universo Android.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *