Auto, le immatricolazioni in Europa tornano a calare Auto, le immatricolazioni in Europa tornano a calare

Auto, le immatricolazioni in Europa tornano a calare

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 20 maggio 2019 redazione 0

Nella lunga congiuntura economica negativa che ha attanagliato l’intera Europa a partire dal 2008, il mercato delle auto ha sofferto enormemente, come anche tutti... Auto, le immatricolazioni in Europa tornano a calare

Nella lunga congiuntura economica negativa che ha attanagliato l’intera Europa a partire dal 2008, il mercato delle auto ha sofferto enormemente, come anche tutti gli altri settori macroeconomici.

Eppure lo scorso anno la rotta sembrava invertita, con buoni risultati per tutti i marchi, ma a quanto pare si è già registrata una brusca frenata.

Come fa sapere Acea, ad aprile 2019 il mercato europeo delle autovetture ha registrato una performance relativamente stabile (-0,4%), contando 1.303.787 nuove immatricolazioni, mentre nei primi quattro mesi del 2019 il calo è stato del 2,6% per un totale di 5,3 milioni di unità registrate.

La domanda è stata trainata principalmente dai Paesi dell’Europa centrale che hanno registrato un aumento del 4,6%. Prendendo in considerazione i cinque maggiori paesi dell’Ue Spagna (+2,6%), Italia (+1,5%) e Francia (+0,4%) hanno mostrato una leggera crescita rispetto ad aprile 2018, mentre la domanda è diminuita nel Regno Unito (-4,1%) e in Germania (-1,1%).

A pesare sul settore, ribadisce Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, sono essenzialmente due fattori: “Le preoccupazioni per il quadro economico incidono negativamente sulla propensione all’acquisto di nuove auto, penalizzate anche dalla demonizzazione del diesel, che crea incertezza nei potenziali acquirenti”.

Guardando alle singole case produttrici emerge il risultato positivo delle francesi con il Gruppo Psa che segna nel mese un aumento dell’1,3%, grazie ai risultato di Citroen mentre Opel perde il 3,1%, e con Renault a +1,4%, trainato in questo caso dalle performance del marchio Dacia.

Volkswagen segna un calo complessivo di immatricolazioni del 3,4%, con il brand principale che perde il 6,8, Audi che scende del 5,8 mentre Skoda e Seat registrano una performance positiva.

Fiat Chrysler, che si contende il quarto posto nel mercato europeo con Hyundai, registra un calo del 3%, con Jeep in calo del 5,3, Alfa Romeo in calo del 40 mentre Lancia recupera il 30 per cento dei volumi e Fiat resta stazionaria.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *