Google mette i bastoni tra le ruote ad Enel? Google mette i bastoni tra le ruote ad Enel?

Google mette i bastoni tra le ruote ad Enel?

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 20 maggio 2019 redazione 0

Google ha indubbiamente una posizione di vantaggio rispetto a una miriade di altre imprese, gestendo motori di ricerca e piattaforme dove le stesse imprese... Google mette i bastoni tra le ruote ad Enel?

Google ha indubbiamente una posizione di vantaggio rispetto a una miriade di altre imprese, gestendo motori di ricerca e piattaforme dove le stesse imprese si mostrano e le loro applicazioni vengono ospitate.

Il suo compito sarebbe quello di dare spazio ugualmente a tutte, ma la realtà spesso può essere ben diversa, o almeno così crede Enel che ha presentato un esposto all’Antitrust, che ha quindi deciso di vederci chiaro ed indagare a fondo.

Nello specifico, Google non ha integrato nel sistema Android Auto l’app «Enel X Recharge», sviluppata da Enel per fornire agli utenti informazioni e servizi per la ricarica delle batterie delle auto elettriche, e questo potrebbe rappresentare un illecito.

Per questo l’Autorità per la Concorrenza ha aperto un’indagine, che si concluderà a fine maggio, per presunto abuso di posizione dominante nel mercato riguardante il sistema operativo più usato sui cellulari ossia Android.

«L’esclusione della app Enel X Recharge da Android Auto riduce la fruibilità di tale app e limita le possibilità degli utenti di sfruttarne le utilità, tra cui la prenotazione delle colonnine di ricarica», ha scritto l’Antitrust. E questo sarebbe a vantaggio del suo Google Maps «che offre una vasta gamma di servizi agli utenti finali, tra cui anche informazioni sulla localizzazione delle colonnine per la ricarica delle auto elettriche e indicazioni su come raggiungerle». Inoltre, «rappresenta un punto di accesso agli utenti finali nonché al flusso di dati generato dalle attività degli stessi».

“Android Auto è progettato pensando alla sicurezza, per ridurre al minimo le distrazioni e garantire che le app possano essere utilizzate in modo sicuro durante la guida. Stiamo rivedendo il provvedimento, continueremo a collaborare con le autorità per risolvere le loro preoccupazioni”, ha dal canto suo dichiarato un portavoce di Google.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *