G20, la web tax ci sarà e sarà esosa G20, la web tax ci sarà e sarà esosa

G20, la web tax ci sarà e sarà esosa

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 11 giugno 2019 redazione 0

Sviluppatisi all’improvviso, con una forza così prepotente quanto inaspettata, i colossi del web per anni hanno potuto godere di un vuoto legislativo che gli... G20, la web tax ci sarà e sarà esosa

Sviluppatisi all’improvviso, con una forza così prepotente quanto inaspettata, i colossi del web per anni hanno potuto godere di un vuoto legislativo che gli ha permesso di prosperare senza pagare tasse ed imposte adeguate al loro fatturato.

Una realtà che ha riguardato tutti gli stati del mondo, e a cui si vuole porre immediatamente fine: al G20 proprio di questo si è parlato a lungo, e le visioni di tutti sono convergenti nella stessa direzione.

Non sarà facile però arrivare alle regole finali per i colossi del web.

I ministri delle Finanze del G20 riuniti a Fukuoka, in Giappone, hanno raggiunto un accordo sulla tassazione dei colossi tech come Facebook e Google, che entro la fine del 2020 dovranno pagare le imposte nei vari Paesi a dispetto della loro effettiva presenza fisica.

C’è l’ipotesi doppio pilastro: da un lato la tassazione di beni o servizi dove sono venduti anche se la presenza fisica della compagnia è altrove; dall’altro, se le società riescono a sfuggire, il varo di un’aliquota minima globale da concordare.

Il segretario al Tesoro americano Steve Mnuchin ha sottolineato di non essere d’accordo con alcuni dettagli del modello, ma di sostenere la necessità di una maggiore e più equa tassazione dei colossi del web.

“Dobbiamo sbrigarci”, ha spinto il ministro francese, Bruno Le Maire, esortando a “trovare un compromesso entro la fine di quest’anno”.

Il segretario generale dell’Ocse, Angel Gurria, ha celebrato i “progressi significativi”: già 129 Paesi hanno adottato una roadmap, con l’obiettivo di arrivare a un accordo di lungo periodo “entro il 2020”. E’ importare avere un approccio globale mentre bisogna evitare il rischio di una “cacofonia” di posizioni e di “una corsa al ribasso”, ha chiosato Gurria.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *