Flat tax, si pensa ad introdurre il quoziente familiare Flat tax, si pensa ad introdurre il quoziente familiare

Flat tax, si pensa ad introdurre il quoziente familiare

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 12 luglio 2019 redazione 0

Da quando la coalizione giallo verde è al governo si è cominciato a parlare sempre più insistentemente di “flat tax”. Se infatti sono state... Flat tax, si pensa ad introdurre il quoziente familiare

Da quando la coalizione giallo verde è al governo si è cominciato a parlare sempre più insistentemente di “flat tax”.

Se infatti sono state già introdotte misure di sostegno al reddito, questo non basta per risollevare le sorti dell’economia italica: bisogna infatti abbassare le tasse, soprattutto alle famiglie più numerose e con redditi che non gli permettono di pagar tributi così esosi.

Solo che, allo stesso tempo, bisogna trovare un modo per far quadrare i conti, per tagliare le tasse ma anche mantenere bassa la spesa pubblica e diminuire il debito pubblico.

Al momento non si sa ancora con certezza come la flat tax prenderà vita, ma si sta pensando a  un “piano triennale”, che parte nel 2020 con un taglio delle tasse per i “redditi tra i 35mila e i 50mila euro” che ora pagano “una aliquota media del 24%”.

Lo spiega il sottosegretario al Mef, Massimo Bitonci, sottolineando che la riduzione cui lavora la Lega avrebbe un impatto anche nella fascia 15-35mila euro, dove si paga in media tra il “16 e il 17%”, mentre tra 0 e 15mila euro l’aliquota media è “il 5,41%”.

Nella fase iniziale il 15% si applicherebbe ai redditi individuali, studiando però “una soluzione compatibile con il quoziente familiare”.

L’obiettivo primario è comunque quello di ridurre il carico fiscale che pesa sul ceto medio, in particolare per i contribuenti nella fascia di reddito tra i 15 mila e 50 mila euro. Nel complesso si tratta di 18 milioni di persone.

Riguardo al costo della riduzione fiscale, Bitonci ha ammesso che occorreranno risorse aggiuntive per le coperture.

Sul fronte fiscale, invece, il sottosegretario ha annunciato che sono in corso anche valutazioni su come spingere “l’uso di strumenti di pagamento tracciabili” ad esempio riducendo i costi per le piccole transazioni possibili già oggi contactless, cioè senza dover inserire Pin o pagare ricevute.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *