Fitch per fortuna conferma il rating all’Italia, ma l’outlook resta negativo Fitch per fortuna conferma il rating all’Italia, ma l’outlook resta negativo

Fitch per fortuna conferma il rating all’Italia, ma l’outlook resta negativo

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 12 agosto 2019 redazione 0

Da anni ormai l’Italia sta camminando sul filo del rasoio: sfidiamo l’Europa non solo non rispettando gli stringenti vincoli economici ma addirittura allontanandocene, non... Fitch per fortuna conferma il rating all’Italia, ma l’outlook resta negativo

Da anni ormai l’Italia sta camminando sul filo del rasoio: sfidiamo l’Europa non solo non rispettando gli stringenti vincoli economici ma addirittura allontanandocene, non rispettiamo le direttive e soprattutto non rappresentiamo per i paesi esteri un buon posto dove investire con tutte le conseguenze del caso.

Per le agenzie di rating siamo degli osservati speciali e, nonostante anche questa volta ce l’abbiamo fatta per il rotto della cuffia, non possiamo ancora tirare la corda per molto prima che i nostri titoli di stato si trasformino letteralmente in titoli spazzatura.

L’agenzia statunitense Fitch conferma il giudizio espresso nel febbraio scorso ma con prospettive al ribasso per via di “alto livello del debito pubblico”, crescita debole e “crescente incertezza” politica.

Nello specifico, Fitch ha lasciato invariato il rating sull’Italia: BBB ma con outlook negativo.

L’agenzia prevede per l’Italia un Pil in crescita quest’anno dello 0,1%, in rallentamento rispetto al +0,9% del 2018; per il 2020 è stimato un aumento del prodotto interno loodo è dello 0,5%, mentre per il 2021 dello 0,4%.

Si è evitato quindi il downgrade per i conti pubblici del nostro Paese che resta due gradini sopra la soglia del junk, destinata a quei debitori considerati non affidabili.

Per quanto riguarda le prospettive future, Fitch ipotizza che non scatterà nessuna clausola di salvaguardia dell’Iva, e che quindi non ci sarà alcun aumento (che equivale l’1,3% del Pil) e che ci sarà un’aliquota “flat tax del 15% che è nel programma della Lega, e che potrebbe essere limitata a redditi annui inferiori a 50.000 euro con un costo di circa lo 0,6%-0,7% del PIL”.

Ricordiamo che il giudizio di Standard and Poor’s arriverà invece il 25 ottobre, ovvero quando saranno già delineate le misure che rientreranno nella prossima manovra.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *