Operatori telefonici di nuovo nel mirino: niente rimborsi automatici Operatori telefonici di nuovo nel mirino: niente rimborsi automatici

Operatori telefonici di nuovo nel mirino: niente rimborsi automatici

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 20 agosto 2019 bizup 0

Più volte, nel corso di quest’anno, abbiamo avuto modo di parlare degli operatori telefonici e della loro scelta arbitraria di impostare le bollette a... Operatori telefonici di nuovo nel mirino: niente rimborsi automatici

Più volte, nel corso di quest’anno, abbiamo avuto modo di parlare degli operatori telefonici e della loro scelta arbitraria di impostare le bollette a 28 giorni, derubando in pratica i clienti di un’intera mensilità ogni anno.

Grazie all’intervento dell’Agcom prima e del Tar dopo, questi alla fine sono stati costretti a tornare sui loro passi, condannati a risarcire quanto indebitamente percepito.

Cosa che, ad oggi, effettivamente non sta accadendo, come ha sottolineato ancora una volta l’associazione a tutela dei consumatori.

In pratica, ad oggi non c’è nessuna restituzione in automatico di quanto pagato in più per le bollette a 28 giorni: le compagnie telefoniche hanno infatti optato per il riconoscimento dei rimborsi solo agli utenti che ne fanno richiesta, posizione però considerata scorretta dall’Agcom, che minaccia sanzioni.

Fastweb, Tim, Vodafone e WindTre dovrebbero restituire ai consumatori, ognuna da un minimo di 240 mila a un massimo di 5 milioni di euro.

L’ Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni – organismo controllore della telefonia e della televisione in Italia – ha quindi formalizzato una nuova contestazione alle quattro società telefoniche. Le compagnie telefoniche hanno ora cinque mesi di tempo per inviare all’Autorità la loro difesa. Il pronostico, dunque, è che la decisione finale sulla multa arriverà a febbraio del 2020.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *