Spotify Family chiede la posizione ai suoi utenti Spotify Family chiede la posizione ai suoi utenti

Spotify Family chiede la posizione ai suoi utenti

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 18 settembre 2019 redazione 0

Purtroppo Spotify, oltre alla concorrenza dei diretti rivali che stanno gradualmente affollando il mercato della televisione in streaming, da tempo deve ormai portare avanti... Spotify Family chiede la posizione ai suoi utenti

Purtroppo Spotify, oltre alla concorrenza dei diretti rivali che stanno gradualmente affollando il mercato della televisione in streaming, da tempo deve ormai portare avanti una vera e propria guerra contro i “furbetti”.

Furbetti di diversa sorta: ci sono infatti coloro che riescono a guardare illegalmente la piattaforma, ma anche coloro che stipulano pacchetti Family, per accedere contemporaneamente da più dispositivi nella stessa famiglia, ma che in realtà cedono i propri acceso ad altri, spesso anche a pagamento.

Per fermare questa pratica, scorretta ed illegale, Spotify si sta muovendo su diversi fronti, ed ora c’è anche una novità in più:  l’azienda svedese ha infatti aggiornato termini e condizioni re-introducendo l’obbligo di verifica “di volta in volta” della posizione, controllo reso necessario per comprovare che le persone che usufruiscono dell’abbonamento da 14,99 euro al mese facciano effettivamente parte dello stesso nucleo familiare e vivano sotto lo stesso tetto.

In pratica, l’app richiederà periodicamente ai membri del gruppo familiare di condividere la posizione. Nel caso in cui ci siano più volte delle discrepanze fra l’indirizzo del fondatore del gruppo ed uno o più membri del gruppo, Spotify si riserva il diritto di cancellare l’abbonamento.

Ricordiamo che già lo scorso anno la società aveva fatto partire un test su una selezione di utenti Family. Anche in quel caso l’app richiedeva di condividere le proprie coordinate GPS per controllare l’indirizzo degli utenti, ma richieste troppo invasive e problemi con la gestione della privacy avevano portato l’azienda ad accantonare il progetto.

Ma ora il problema è diventato così grave, dato la diffusione della pratica scorretta, che la compagnia è dovuta correre nuovamente ai ripari.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *