Benzina, gli automobilisti temono sostanziosi rincari Benzina, gli automobilisti temono sostanziosi rincari

Benzina, gli automobilisti temono sostanziosi rincari

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 19 settembre 2019 redazione 0

L’estate è finita e con essa sono stati archiviati i rincari che, come accade ogni anno, puntualmente accompagnano l’esodo e il contro-esodo estivo. O... Benzina, gli automobilisti temono sostanziosi rincari

L’estate è finita e con essa sono stati archiviati i rincari che, come accade ogni anno, puntualmente accompagnano l’esodo e il contro-esodo estivo.

O no? A quanto pare, purtroppo, il peggio non è alle spalle, ed anzi si temono rincaro consistenti già a partire dai prossimi giorni.

Il motivo? Colpa degli attacchi contro due importanti stabilimenti petroliferi dell’Arabia Saudita, che hanno ridotto in maniera significativa la capacità del paese di produrre petrolio. Gli attacchi hanno provocato un blocco della produzione di 5,7 milioni di barili di greggio al giorno, circa la metà di tutta la produzione di petrolio saudita e poco più del 5 per cento di quella mondiale.

Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia, ha quindi spiegato all’agenzia Agi che esiste concretamente “il rischio di un’impennata dei prezzi del petrolio per un periodo di 7-10 giorni” anche “sopra i 100 dollari al barile”, che come conseguenza vedrà un aumento dei prezzi anche alla pompa.

I rincari potrebbero collocarsi in una forbice tra il 5 e l’8% con forti ripercussioni sui prezzi dei beni di prima necessità trasportati su gomma.

Proprio per questo il Codacons avverte del rischio di una stangata «fino a 320 euro l’anno a famiglia» se proseguirà la corsa delle quotazioni e i danni non verranno riparati in tempi rapidi.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *