Uber, il passivo continua ad essere oltre il miliardo di euro Uber, il passivo continua ad essere oltre il miliardo di euro

Uber, il passivo continua ad essere oltre il miliardo di euro

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 7 novembre 2019 redazione 0

Negli ultimi mesi Uber sta mettendo in piedi numerose iniziative per rendersi sempre più competitivo in un mercato in costante crescita ma dove i... Uber, il passivo continua ad essere oltre il miliardo di euro

Negli ultimi mesi Uber sta mettendo in piedi numerose iniziative per rendersi sempre più competitivo in un mercato in costante crescita ma dove i competitors non mancano certo.

La compagnia di San Francisco proprio recentemente ha lanciato ad esempio Uber Money, una divisione apposita che integrerà i servizi esistenti, da Uber Cash alle carte di credito, con le nuove funzionalità, mirate a sfruttare i flussi finanziari e la mole di dati connessi e con l’obiettivo di far rimanere utenti e autisti sempre di più all’interno della app.

Uber inoltre sta scommettendo, oltre che sul continuo sviluppo dei suoi servizi di alternativa ai taxi, anche su nuovi business diversificati, dalle auto a guida autonoma alla consegna di generi alimentari e pasti, fino alla logistica e trasporti.

Ma purtroppo tutti gli sforzi non sono stati completamente ripagati dagli ultimi dati trimestrali: nel terzo trimestre dell’anno Uber ha infatti registrato 1,2 miliardi di dollari di perdite (poco più di 1 miliardi di euro).

In compenso però ha annunciato che i ricavi sono stati di 3,8 miliardi di dollari, in aumento del 30 per cento su base annua, e superiori rispetto ai 3,6 miliardi attesi dagli analisti.

Nel trimestre precedente i risultati erano stati molto peggiori, con perdite per 5,23 miliardi, dovuti probabilmente alla quotazione in Borsa dello scorso maggio.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *