Banca Carige, finalmente arrivato l’atteso ok della Consob Banca Carige, finalmente arrivato l’atteso ok della Consob

Banca Carige, finalmente arrivato l’atteso ok della Consob

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 6 dicembre 2019 redazione 0

Nelle scorse settimane l’aumento di capitale era stato deciso per scongiurare la crisi di uno degli istituti che più ha vissuto sulla propria pelle... Banca Carige, finalmente arrivato l’atteso ok della Consob

Nelle scorse settimane l’aumento di capitale era stato deciso per scongiurare la crisi di uno degli istituti che più ha vissuto sulla propria pelle la crisi che tutto il settore bancario ha attraversato e sta ancora attraversando, stentando a far quadrare i conti e a tenere al sicuro i risparmi di migliaia di risparmiatori.

Ed ora, per fortuna, nelle scorse ore è arrivato anche l’attesissimo ok della Consob, che ha approvato il prospetto informativo dell’aumento di capitale Carige da 700 milioni di euro, garantito dal Fondo interbancario di tutela dei depositi, anche con lo Schema volontario, e nel quale entrerà nell’istituto la trentina Cassa centrale banca.

L’offerta agli azionisti avrà inizio oggi alle 9 e terminerà alle ore 14 del 13 dicembre, con data di regolamento prevista il 20 dicembre. Lo annuncia l’istituto in una nota.

L’aumento da 700 milioni si struttura in diversi step: dalla cessione dei crediti Npe per 2,8 miliardi, all’emissione di obbligazioni subordinate di tipo Tier 2 per 200 milioni, all’opzione irrevocabile di acquisto a Cassa centrale banca (CCB) di azioni ordinarie con uno sconto di 300 milioni.

Nello stesso comunicato si legge però anche che «sussistono significative incertezze in merito alla prospettiva di continuità aziendale della banca Carige». E se, dopo l’investimento di piccoli azionisti in azioni e warrant «il presupposto delle continuità aziendale venisse meno, il valore di azioni e warrant sarebbe azzerato, incorrendo così l’investitore nella perdita totale del capitale investito».

Quindi si fa presente che il risultato netto di Carige nel 2019 sarà ancora significativamente negativo. È previsto in perdita nel piano strategico per 779 milioni, dopo perdite per 272,8 milioni nel 2018 e per 428,5 milioni nel primo semestre. «Sebbene le componenti sottostanti alla previsione di tale risultato economico abbiano subito significative variazioni, tale previsione rimane sostanzialmente valida e, alla data del prospetto» per l’aumento di capitale, afferma, «si attesta su una perdita pari ad euro 783 milioni».

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *