Tasse, ad essere tartassate sono le piccole e medie imprese Tasse, ad essere tartassate sono le piccole e medie imprese

Tasse, ad essere tartassate sono le piccole e medie imprese

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 7 gennaio 2020 redazione 0

Nei mesi scorsi abbiamo avuto modo di parlare della cosiddetta “web tax”, la tassa che da gennaio anche in Italia i grandi colossi del... Tasse, ad essere tartassate sono le piccole e medie imprese

Nei mesi scorsi abbiamo avuto modo di parlare della cosiddetta “web tax”, la tassa che da gennaio anche in Italia i grandi colossi del web dovranno pagare, dato che finora, nonostante i loro guadagni miliardari, è arrivato poco o nulla nelle casse dell’erario.

Il gettito previsto nei prossimi mesi è consistente, ma n realtà nello stivale una cosa è certa: sono le piccole e medie imprese quelle maggiormente tartassate da un cuneo fiscale in molti casi diventato insostenibile.

Come ha fatto sapere la Cgia di Mestre, in riferimento ai dati del 2018, il carico fiscale complessivo sulle piccole e medie imprese italiane si attesta infatti al 59,1% dei profitti, mentre  le multinazionali del web presenti in Italia, o meglio le controllate di questi giganti economici ubicate nel nostro Paese, registrano un tax rate del 33,1%.

Tra i Paesi dell’Area dell’euro, infatti, i dati della Banca Mondiale ci dicono che solo la Francia (con il 60,7 per cento) registra una pressione fiscale sui profitti delle imprese superiore alla nostra, contro una media dei 19 Paesi che utilizzano la moneta unica pari al 42,8 per cento.

“Premesso che i dati sono desunti da fonti diverse, quindi non comparabili da un punto di vista strettamente scientifico, è comunque verosimile – afferma il coordinatore dell’Uffici studi della Cgia Paolo Zabeo – ritenere che sulle piccole imprese il carico fiscale sia quasi doppio rispetto a quello che grava sui giganti tecnologici presenti in Italia. Un’ingiustizia che grida vendetta, non tanto perché su questi ultimi grava un peso fiscale relativamente contenuto, ma per il fatto che sulle nostre Pmi il peso delle tasse e dei contributi è tra i più elevati d’Europa”.

Inoltre, come se non bastasse, l’Italia, evidenzia ancora la Cgia, è il Paese – assieme al Portogallo – dove pagare le tasse è più difficile. Dai dati presentati recentemente dalla Banca Mondiale (Doing Business 2020), da noi sono necessari 30 giorni all’anno (pari a 238 ore) per raccogliere tutte le informazioni necessarie per calcolare le imposte dovute, per completare tutte le dichiarazioni dei redditi e per presentarle all’Amministrazione finanziaria, per effettuare il pagamento on line o presso le autorità preposte.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *