Airbnb, nuova regolamentazione in arrivo in Italia? Airbnb, nuova regolamentazione in arrivo in Italia?

Airbnb, nuova regolamentazione in arrivo in Italia?

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 25 febbraio 2020 redazione 0

Hotel, pensioni, B&B? Roba vecchia: perché rivolgersi a queste strutture ricettive, quando si può ricorrere ad Airbnb e, con una manciata di click, si... Airbnb, nuova regolamentazione in arrivo in Italia?

Hotel, pensioni, B&B? Roba vecchia: perché rivolgersi a queste strutture ricettive, quando si può ricorrere ad Airbnb e, con una manciata di click, si prende un affitto un intero appartamento a prezzo concorrenziale?

La piattaforma sta avendo negli ultimi anni un successo travolgente, ed i numeri parlano chiaro.

L’Italia, dietro solo a Stati Uniti e Francia, conta in tutto 460mila alloggi: l’ultimo anno, come dichiarato da Airbnb, si è chiuso con 11 milioni di persone ospitate, per un giro di affari da 2 miliardi di euro.

Una montagna di soldi che finisce nelle mani di pochissimi: a titolo esemplificativo, a Firenze, secondo Inside Airbnb, il 65% degli annunci è riconducibile a multihost, ovvero utenti che gestiscono più di un appartamento, con 15 di questi che controllano il 10% degli alloggi totali. E la stessa cosa si ripete nelle maggiori città italiane, da Milano a Napoli, da Bologna a Venezia.

Ma si tratta di concorrenza sleale? La regolamentazione cosa prevede?

Il paradosso è che al momento non c’è una legislazione apposita, anche se in queste ore  Milano sta pensando di mettere un freno al dilagante fenomeno Airbnb.

Da tempo si parla di una riforma a livello nazionale, mentre a Milano la questione è stata sollevata dall’assessore all’Urbanistica di Milano Pierfrancesco Maran e da quello al Turismo Roberta Guaineri, che stanno valutando l’ipotesi di porre un limite al numero di giorni di affitto per chi mette stanze o interi appartamenti su Airbnb.

Ad oggi, infatti, il Comune di Milano incassa dall’1 ai 2 milioni di euro al mese per la tassa di soggiorno attraverso la mediazione di Airbnb, grazie ad un accordo specifico. Ma il fenomeno degli affitti brevi ha innescato pericolosi effetti a catena:  case introvabili per chi desidera vivere in quelle città, aumento dei canoni a lungo termine, interi quartieri che si spopolano e diventano aree di intrattenimento per turisti, tutte bar e ristoranti.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *