Fmi preoccupata per il Pil globale e per quello italiano Fmi preoccupata per il Pil globale e per quello italiano

Fmi preoccupata per il Pil globale e per quello italiano

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 25 febbraio 2020 redazione 0

Se già i maggiori organi economici europei e mondiali non erano affatto ottimisti sulle prospettive di crescita globali, ed in particolar modo del nostro... Fmi preoccupata per il Pil globale e per quello italiano

Se già i maggiori organi economici europei e mondiali non erano affatto ottimisti sulle prospettive di crescita globali, ed in particolar modo del nostro paese, la dilagante epidemia di Coronavirus è arrivata a dare un colpo bello forte, da cui sarà difficilissimo riprendersi.

L’andamento dell’economia mondiale “sembra aver toccato il fondo, ma la prevista ripresa è fragile”: questo il pensiero del Fondo monetario internazionale che include la diffusione del coronavirus, insieme al riaccendersi delle tensioni sul commercio internazionale, tra i principali rischi sulle prospettive di crescita globale.

Con queste considerazioni il Fondo monetario internazionale, al G20 di Riad, Arabia Saudita, lima la crescita globale per il 2020 al 3,2%, appena 0,1 punti in meno, e toglie alla Cina 4 decimali portandola al 5,6%. Ma la revisione, interamente imputabile al coronavirus, arriva a solo un mese di distanza dalle stime che erano state presentate al forum di Davos.

A fronte di questa situazione ben poco rosea, la necessità di un mix di politiche strutturali e fiscali. Soltanto i bilanci di tre Paesi del G20 (Australia, Germania e Corea) tuttavia hanno “un po’ di spazio per politiche di espansione finanziate in deficit”. Ma i bassi tassi d’interesse, afferma il Fondo, “possono fornire spazio per un mix di politiche più equilibrato” anche a chi ha necessità di rimettere in ordine i conti e fornire garanzie sulla sostenibilità del proprio debito.

Ben più complessa la situazione dell’Italia: presto per fare calcoli precisi ma, a fronte di una crescita esponenziale dei contagi e delle ordinanze di chiusura di attività e di quarantena di interi paesi, lo spettro della recessione sembra avvicinarsi a passo spedito.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *