Alitalia è stata nazionalizzata Alitalia è stata nazionalizzata

Alitalia è stata nazionalizzata

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 18 marzo 2020 redazione 0

La notizia è passata sotto silenzio, e non poteva essere altrimenti in un momento storico in cui per la prima volta, nella storia moderna,... Alitalia è stata nazionalizzata

La notizia è passata sotto silenzio, e non poteva essere altrimenti in un momento storico in cui per la prima volta, nella storia moderna, conosciamo la quarantena a livello globale e siamo dinanzi ad una vera e propria guerra sanitaria, da vincere senza sacrificare troppe vite, ma nel decreto “Cura Italia” è stata dedicata attenzione e soprattutto ingenti risorse ad Alitalia.

Noi ne abbiamo parlato più e più volte: da anni ormai si cerca senza successo di trovare una cordata di salvataggio per rimettere in sesto Alitalia, che continua a mandare in fumo miliardi su miliardi, mese dopo mese.

Ma in questa drammatica situazione di emergenza è impensabile riuscire a trovare qualcuno disposto ad acquistare la nostra ex compagnia di bandiera, ed ecco quindi che nel decreto Cura Italia, l’esecutivo ha dato l’ok alla nascita di una holding pubblica per il suo salvataggio.

Non c’era altra strada percorribile, se non il fallimento: è praticamente impossibile che entro la scadenza di oggi (mercoledì 18 marzo), si manifestino dei pretendenti per acquistare in toto o in parte la compagnia italiana.

La newco si farà carico dei complessi aziendali di Alitalia e di Alitalia Cityliner sopa, entrambe in amministrazione straordinaria, spiega il decreto, che impegna 25 miliardi per fronteggiare l’emergenza coronavirus.

Allo stesso tempo a favore del settore del trasporto aereo viene istituito un fondo specifico con una dotazione di 600 milioni di euro che servirà a compensare le compagnie dai danni subiti a causa della sospensione delle loro attività.

Sospensione che certamente si protrarrà più del previsto, e quindi serviranno interventi concreti per non portare tutte le compagnie al fallimento.

Finora l’unico intervento già messo in campo riguarda la sospensione degli obblighi di utilizzo degli slot per un periodo che va da gennaio a giugno. In questo modo, anche se le compagnie non voleranno, eviteranno almeno di perdere gli slot.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *