Microsoft, schizza la richiesta di spazio sul Cloud Microsoft, schizza la richiesta di spazio sul Cloud

Microsoft, schizza la richiesta di spazio sul Cloud

UncategorizedBusinessHardwareNewsSocialSoftwareVideoBrowserHostingTechInternetSistemi OperativiAntivirus & AntiSpywareWordpressAdslVideoGameTelefoniaEconomiaSalutePromoCasa & famigliaPuliziaAspirapolvereRobot aspirapolvereScopa elettricaCasaDeumidificatoreMaterassoUmidificatoreStiratura e cucitoFerro da stiroFerro da stiro con caldaiaMacchina da cucirePrima InfanziaBaby monitorCuocipappaPasseggino gemellarePasseggino leggeroPasseggino trioScaldabiberonSeggiolino autoGrandi elettrodomesticiLavatriceCucinaBevandeBollitoreCentrifugaEstrattore di succoMacchina da caffèMacchina da caffè a capsuleMacchina da caffè automaticaCotturaFornetto elettricoForno a microondeFriggitrice ad ariaRobot da cucina multifunzionePreparazione cibiFrullatoreFrullatore ad immersioneImpastatriceMacchina del paneRobot da cucinaTostapaneVaporieraPer conservareMacchina sottovuotoCura della personaCapelliArricciacapelliAsciugacapelliPiastra per capelliTagliacapelliRasatura & EpilazioneEpilatoreEpilatore a luce pulsataRasoio elettricoRegolabarbaCura della pelleSpazzola pulizia visoIgiene oraleSpazzolino elettricoBenessere & SportAerosolMisuratore di pressioneSaturimetroTempo liberoActivity trackerCardiofrequenzimetroCycletteTapis roulantTrolleyElettronicaAudio & videoAction camCasse bluetoothProiettoreTelecamera di sorveglianzaInformaticaEbook readerMonitorNotebookScannerStampanteStampante multifunzioneTabletCuffie e auricolariAuricolari BluetoothCuffie BluetoothAutoNavigatoreFai da teUtensiliAvvitatoreCompressoreSega circolareTrapanoTrapano avvitatoreGiardinoDecespugliatoreIdropulitriceTagliaerba 1 aprile 2020 redazione 0

Nelle ultime settimane il mondo è stato stravolto dall’emergenza coronavirus, e di conseguenza anche le vite della maggior parte della popolazione del mondo. Improvvisamente... Microsoft, schizza la richiesta di spazio sul Cloud

Nelle ultime settimane il mondo è stato stravolto dall’emergenza coronavirus, e di conseguenza anche le vite della maggior parte della popolazione del mondo.

Improvvisamente milioni di persone si sono trovate a star chiuse in casa notte e giorno, senza possibilità di uscire, e con ben poche cose da fare, se non rivolgendosi alla rete, per “uscire” almeno con la mente dalle quattro mura domestiche.

Questo, come abbiamo avuto già modo di vedere, ha portato a un forte sovraccarico della rete, ma anche ad un uso esponenziale del Cloud, che ha avuto una crescita incredibile.

Nello specifico, è stato registrato un aumento del 775% dei servizi cloud forniti nei paesi nei quali le misure di distanziamento sociale erano già entrate in atto. L’impennata si è registrata anche e soprattutto in Microsoft Teams, piattaforma per la collaborazione in remoto che ora conta fino a 44 milioni di utenti attivi al giorno (+12 milioni solo nell’ultima settimana) con oltre 900 milioni di minuti di videoconferenza a settimana.

Un picco che ha inoltre riguardato anche servizi come Windows Virtual Desktop, cresciuto di oltre tre volte, Xbox Game Pass, Xbox Live e Mixer.

Dinanzi all’eventualità sempre più concreta e non riuscire a far fronte a un traffico del genere, Microsoft ha ridotto le potenzialità di alcuni servizi in alcune zone determinate, intervenendo ad esempio sulla qualità video e sui tempi di reazione nella scrittura contemporanea sui documenti.

Nei prossimi giorni dovremmo inoltre assistere a una riduzione nella velocità di download dei videogiochi e degli update su Xbox One e, nei casi di maggiore stress delle infrastrutture internet globali e locali, delle limitazioni alla risoluzione massima di servizi in game streaming come Project xCloud.

Già a partire dal 29 marzo non è più possibile caricare immagini personalizzate su Xbox Live, sia per quanto concerne le foto profilo che gli sfondi customizzati per i Club.

No comments so far.

Be first to leave comment below.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *